Ciclismo, F.W.R. Baron tessera una giovanissima atleta e guarda al futuro

La società dell'Alta fa fronte alle difficoltà imposte dall'emergenza sanitaria e accoglie Vanessa Bacchin di 10 anni. Posticipato ad agosto il trofeo Città di San Martino di Lupari

La nuova tesserata di casa F.W.R. Baron, Vanessa Bacchin

Uno stop forzato che ha causato non poche difficoltà anche al mondo del pedale, ma necessario per garantire la sicurezza degli atleti a partire dai più giovani. E dai giovani vuole ripartire l'associazione F.W.R. Baron Ciclismo di San Martino di Lupari.

Giovani speranze

Una ripartenza che passa dal fresco tesseramento della giovane e talentuosa atleta Vanessa Bacchin, 10 anni, che nel 2019 ha totalizzato 13 vittorie. Un ritorno alle origini per il clubche crede nel valore dei giovani, da sempre impegnato nel promuoverne la crescita grazie al patron Rino Baron e al suo team. «É una scelta presa per guardare con fiducia ed entusiasmo al futuro, ma anche con l'augurio che si possa ripartire e tornare a pedalare al più presto - spiega il presidente -   Speriamo che questo brutto momento possa finire il prima possibile ma non possiamo dimenticare che i disastri arrivano in un attimo e che per la ricostruzione ci vuole tempo».

Il trofeo

Le restrizioni imposte dal Coronavirus hanno costretto a posticipare uno degli appuntamenti più seguiti organizzati dalla F.W.R. Si svolgeranno infatti il 9 agosto il trofeo Città di San Martino di Lupari e il Gran premio nazionale Juniores. «Eravamo pronti il 13 aprile con la partenza dell'ottavo Gran premio nazionale F.W.R. Baron ma subito dopo i decreti ministeriali legati al blocco dell'attività sportiva abbiamo proposto alla Federazione il posticipo a domenica 9 agosto mantenendo invariati percorso, organizzazione, sponsor e premi - aggiunge il patron -. Senza dimenticare che alla gara erano iscritte 25 tra le maggiori rappresentative internazionali e tra loro quella azzurra. Ottimo segnale sono anche le riconferme per il 2021 grazie alla disponibilità dell'amministrazione comunale e degli sponsor». «Tutti insieme abbiamo rinunciato alla libertà fermando ogni attività agonistica - ha precisato Rino Baron - nella speranza che si possa riprendere a pedalare per la garanzia e la salute dei nostri ragazzi. Una preghiera va a quanti hanno perso la vita, ai medici e agli infermieri e a tutte le persone che con grande impegno combattono la pandemia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento