Un tifo sfegatato per una vera campionessa: Veggiano e Saccolongo uniti per Veronica Paccagnella

La bravissima ginnasta, affetta dalla sindrome di Down, parteciperà ai Campionati Mondiali Special Olympics di Abu Dhabi: i due Comuni hanno appeso uno striscione per incitarla in vista di questa splendida avventura

Veronica Paccagnella

Lei è Veronica Paccagnella, ha 17 anni, vive a Trambacche ed è una ginnasta. Anzi, una bravissima ginnasta. Talmente brava da meritarsi la convocazioni ai Campionati Mondiali Special Olympics, che si terranno dal 14 al 21 marzo ad Abu Dhabi. E a tifarla ci saranno due interi Comuni.

Gli striscioni

“Saccolongo e Veggiano sono con te”: il doppio striscione - con tanto di splendide foto dell'atleta - è stato appeso sulla facciata principale del centro culturale di Saccolongo (paese in cui ha frequentato le scuole) e lungo la Strada Regionale 11 all'ingresso di Veggiano, territorio in cui vive con la famiglia. Siamo sicuri, però, che il tifo arriverà da tutta Padova: campionessa italiana sia nella trave che nel corpo libero di primo livello, Veronica Paccagnella ha la sindrome di Down e all'età di due anni e mezzo ha dovuto combattere contro la leucemia miloide acuta, vincendo la battaglia.

Striscione Veronica Paccagnella-2

L'inno alla vita

Sul sito di Special Olympics c'è un'intera pagina dedicata a lei, con Veronica che parla in prima persona di tutta la sua vita. Vi “regaliamo” il primo paragrafo, invitandovi però ad andare poi a leggere a questo link la sua autentica lezione di vita: “Mi chiamo Veronica Paccagnella e vivo in provincia di Padova. Amo la matematica, il colore arancione e ho una vera passione per il pane e per la pizza, mentre detesto i cerotti, il buio e gli insetti. Prediligo il rapporto “uno a uno”, piuttosto che quello di gruppo, ma in questo lo sport e l’esperienza con la mia squadra di ginnastica, lo Special Team di Special Olympics, mi ha aiutato tantissimo: con loro sto bene, non ho difficoltà a stare tutti insieme e mi sento davvero tra amici. Durante gli allenamenti si lavora molto, ma si ride e si scherza insieme e se qualcuno è in difficoltà sono sempre pronta a dare una mano. Come disse quel giorno il mio genetista, la mia non è una malattia, ma una condizione genetica, questo me l’ha insegnato la mamma quando io ho cominciato a dirle di essere “ammalata di sindrome di Down”. Ho imparato che io posso, magari con più fatica di altri, raggiungere grandi risultati: oggi sono una ragazza serena, sorridente e più che mai attaccata alla vita”. L'ultima frase? “Abu Dhabi, sto arrivando”. E noi, col cuore, saremo lì con te.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Veronica Paccagnella 2-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «La nostra super Bubi ha guadagnato un passaggio per il Paradiso»: Lavinia ci ha lasciati

  • Due padovane in difficoltà lungo la Strada delle 52 Gallerie: interviene il soccorso alpino

  • Zaia, nuova ordinanza: «Tampone obbligatorio per chi rientra dall'estero in Veneto»

  • Coronavirus, positivi 5 bambini del centro estivo e 8 ragazzi tornati dalla vacanza in Croazia

  • Mancato utilizzo della mascherina: chiusi per 5 giorni cinque bar della città

  • Live - Sfiorata la tragedia in ospedale. Ancora positivi di ritorno da Corfù

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento