Calcio Padova, grave lutto per la società biancoscudata: è mancato Fernando Zanetto

Entrato con il ruolo di cassiere ai tempi dell’Appiani, Fernando ha attraversato cinquant’anni di storia biancoscudata diventando il responsabile delle biglietterie e, col passare del tempo, preziosissimo collaboratore e memoria storica

Fernando Zanetto

Era sempre disponibile e a qualsiasi orario pur di aiutare i tifosi biancoscudati. Che ora lo piangono: nella tarda serata di giovedì 16 luglio è mancato Fernando Zanetto, 78 anni, figura storica del Calcio Padova.

Fernando Zanetto

Entrato con il ruolo di cassiere ai tempi dell’Appiani, Fernando ha attraversato cinquant’anni di storia biancoscudata diventando il responsabile delle biglietterie e, col passare del tempo, preziosissimo collaboratore e memoria storica. Grazie alla sua verve e alla precisione nel ricostruire le vicende del biancoscudo, ha ricoperto fino all’ultimo anche il ruolo di giornalista per Padova Magazine e nel 2010 ha collaborato alla mostra del centenario e alla realizzazione del libro Biancoscudo. Dichiara Daniele Boscolo Meneguolo, presidente del Calcio Padova: «Fernando Zanetto è stato un pilastro per questo club e un fedele custode della nostra storia. Fino al suo ultimo giorno di permanenza in società la sua esperienza e le sue doti lavorative sono state fondamentali e anche nelle ultime stagioni non ha mai fatto mancare il proprio apporto. Da parte di tutto il Calcio Padova voglio esprimere la nostra vicinanza alle figlie, ai nipoti e a tutta la famiglia Zanetto».

Innamorato del Biancoscudo

Nel comunicato con cui ne ha annunciato la scomparsa, il Calcio Padova ha voluto salutarlo con le parole da lui stesso utilizzate per raccontare di come si è innamorato del Biancoscudo:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

C’è sempre una prima volta, io vi racconto la mia! Qualche decennio fa, quando io ero ancora giovinastro imberbe, quindi ci riferiamo alla fine degli anni 60, allo stadio Appiani si disputavano degli incontri di calcio che a tutt’oggi non hanno ancora avuto eguali, salvo qualche eccezione che ciascuno di Voi, con qualche anno di meno sul groppone, per svariati motivi può ritenere più importanti: la prima partita vista allo stadio, un risultato roboante o perché tifoso della squadra avversaria di turno. Ma torniamo a noi che della metà degli anni cinquanta sino alla stagione 1960/1961 con continuità eravamo presenti alle partite casalinghe dei biancoscudati. Ho impressa in maniera indelebile la prima volta che sono entrato allo Stadio nelle gradinate dalla parte di Via Venturina (oggi Via 58° Fanteria). L’incontro era l’ultimo di campionato, la stagione 1954/1955, l’avversario di turno il Legnano secondo in classifica con 40 punti a pari del Padova, pertanto vincendo il Padova era matematicamente in Serie A. All’epoca avevo da poco compiuto 13 anni ed alla mamma avevo detto che sarei andato in patronato, l’unico posto a quei tempi dove tutti i ragazzi si ritrovavano. Torniamo all’Appiani ed alla partita che quando arrivai in zona, abitavo dietro la chiesa del Bassanello, era iniziata da più di un’ora. Inspiegabilmente vidi che i cancelli delle entrate erano tutti spalancati, di solito venivano aperti ad un quarto d’ora dal termine, per fare defluire con ordine i tifosi. Incredibilmente, mi feci coraggio e passata la canaletta a cielo aperto, che scorreva adiacente allo stadio, iniziai tremante a salire i gradini che portavano alla gradinata. Il muro di gente faceva paura, ma con un “permesso” da una parte, un leggero spintone dall’altra riuscii a salire e vedere qualcosa. Chiesi subito ad un signore com’era il risultato e mi disse che il Padova stava vincendo per tre reti a zero e mancava meno di mezzora al termine dell’incontro. Rimasi allo stadio per una decina di minuti e poi ricordandomi cosa avevo detto alla mamma e la confusione per la festa che si sarebbe stata al termine della partita, decisi di lasciare frettolosamente la gradinata incamminandomi con lena verso il patronato.
L’emozione mi fece venire un nodo alla gola e gli occhi presto si inumidirono. Ridevo e piangevo, essere stato seppure per pochi minuti presente ad una gara che avrebbe fatto parte indelebile della storia del Calcio Padova mi riempiva di orgoglio. Giunto in patronato misi al corrente tutti coloro che mi capitavano a tiro su quanto avevo fatto e lo posso giurare su ciò che ho più caro al mondo, che quel ricordo a 60 anni di distanza mi riempie ancora il cuore di gioia.  Grazie Padova, continua ad esistere sono certo che potrai dare e fare rivivere ad altri ragazzini le mie stesse emozioni! Senz’altro i tempi sono cambiati, ora ci sono molte altre distrazioni e passatempi, ma la prima volta resterà sempre unica. Fernando Zanetto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento