Padova Calcio, Michele Marcolini: “Siamo una squadra da serie A”

Il centrocampista biancoscudato parla dopo l'uscita del calendario della Serie B, che vede come prima sfida il big match contro la Sampdoria: "Le partite all'inizio sono difficili l'importante è credere nei nostri mezzi, abbiamo le carte in regola per la promozione"

Il Padova è tornato dunque al lavoro a Bresseo dopo la preparazione in Folgaria. Dopo il calendario uscito nei giorni scorsi, che vede come scoglio principale quello della Sampdoria già alla prima di campionato, parla il centrocampista neo biancoscudato Michele Marcolini: “Sarà un bene se riusciremo a vincere, anche se si sa le partite all’inizio sono difficili: un po’ per la poca preparazione, un po’ perché non c’è l’abitudine a giocare insieme ma l’importante è credere nei nostri mezzi e cercare i 3 punti”.

Mezzi che Marcolini ambiziosamente definisce da Serie A: “Ci sono squadre che si sono mosse bene sul mercato e che secondo me sono più accreditate per la Serie A. Tra queste ci siamo ovviamente anche noi. La società ha fatto un ottimo lavoro, certo non possiamo considerarci gli unici con le carte in regola per la promozione per cui bisogna lavorare".

E proprio sui tanti acquisti di mercato, tra cui il compagno di reparto Milanetto, il centrocampista dice: “Sicuramente lui dà tanta esperienza in una squadra giovane. Sta facendo molto molto bene ed è importante pensare che quando giocava al Genoa, faceva il lavoro grosso. Ci dà una sicurezza in più”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Tremendo frontale tra un'utilitaria e un camion, una donna muore nello schianto

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento