rotate-mobile
Sport

Kioene bella e concreta: espugnato il parquet di Piacenza, tre punti fondamentali

Padova gioca di squadra riuscendo ad alzare la testa dopo un calo pericoloso del terzo set, trascinata da Nelli e Volpato, veri mattatori della partita

E’ una Padova lucida e concreta quella che torna a casa con tre punti importanti da Piacenza. Con Randazzo eletto per la seconda volta consecutiva Mvp del match, la Kioene gioca di squadra riuscendo ad alzare la testa dopo un calo pericoloso del terzo set. Nei momenti decisivi i colpi di Nelli e di Volpato permettono ai veneti di vincere contro una Wixo Lpr che cercava il riscatto dopo la sconfitta di Coppa Italia. I troppi errori al servizio della squadra di coach Giuliani e la difficoltà in ricezione sono stati i punti deboli di questa Piacenza che non è riuscita a raddrizzare il match. 

LA CRONACA.

Grande equilibrio nel primo set, con Randazzo a staccare grazie al servizio vincente sul 10-12. La Kioene è pulita e ordinata sia in ricezione che in attacco (86% e 6 punti per Nelli in questo parziale). Nonostante i buoni colpi di Fei, Padova si porta sul 18-21 col mani-out di Cirovic che costringe coach Giuliani al time out. Al ritorno in campo Cirovic mette in difficoltà la ricezione avversaria e Padova trova il set ball sul 19-24 grazie al muro vincente di Randazzo che poi chiude 20-25. Parte forte Piacenza nel secondo parziale, con Fei a trovare il punto del 6-4 dopo una lunga azione. Padova è più imprecisa al servizio rimanendo comunque a poca distanza dai padroni di casa. Sul muro del 15-12, coach Baldovin chiede pausa. Con Volpato alla battuta i patavini annullano lo svantaggio e sul 15-15 è Piacenza a chiamare la squadra in panchina. Molti gli errori alla battuta da una parte e l’altra del campo, con le squadre che rimangono appaiate fino al 22-22. Il muro di Polo trova il set ball sul 23-24 e il video check chiamato per invasione conferma invece il punto alla Kioene. Si va ai vantaggi ma a chiudere ci pensa l’ace di Cirovic (24-26). 

IL SET DECISIVO.

Parte forte la Wixo LPR nel terzo set, con Yosifov a colpire duro al servizio (8-5). Sulle proteste per una presunta palla spinta di Piacenza, Polo riceve un cartellino giallo. Padova s’innervosisce s sull’11-5 coach Baldovin chiama time out. Sul 13-5 Premovic prende il posto di Nelli ma Piacenza deve solo amministrare. Verso il finale spazio anche a Koprivica per Randazzo ma i padroni di casa chiudono 25-17. 
Spinge l’acceleratore la Kioene Padova nel quarto parziale, trovando il punto dell’1-4 col muro a uno vincente di Randazzo. Nelli si fa vedere al servizio sul punto del 9-14, con Piacenza invece fallosa alla battuta. Con Baranowicz al servizio, Piacenza roscicchia punti importanti e sul 17-21 coach Baldovin chiama i suoi in panchina. Il primo match ball arriva col muro di Volpato (19-24) ed è lo stesso centrale a chiudere portando a casa tre punti pesantissimi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Kioene bella e concreta: espugnato il parquet di Piacenza, tre punti fondamentali

PadovaOggi è in caricamento