menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I paracadutisti padovani sul podio di Coppa del Mondo di Paraski al passo del Tonale

Ottimi risultati sia in Coppa che nel Campionato Italiano per Alessandro Di Priso e Andrea Stocco con il team padovano dell’Associazione Nazionale Paracadutisti

Gli atleti della sezione locale dell’Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia, Alessandro Di Priso e Andrea Stocco, hanno partecipato alla tappa della Coppa del Mondo di Paraski - World Cup Series Paraski, approdata per la prima volta in Italia e valida per l’assegnazione del Campionato Italiano, svoltasi sul passo del Tonale dall’1 al 4 febbraio.

I risultati.

Dopo una stringente competizione che li ha visti gareggiare con atleti tedeschi, francesi, svizzeri e con la corazzata austriaca marchiata Red Bull, Di Priso ha ottenuto il terzo posto assoluto, il primo di squadra per il Campionato Italiano, il terzo posto a
squadre in Coppa del Mondo con la Nazionale Italiana. Stocco invece ha portato a casa il terzo posto a squadre in Campionato. Grande soddisfazione per tutta la rappresentativa italiana capitanata da Marco Valente, che vince l’assoluta siglando il nuovo record del mondo.

paraski 2-2

La competizione.

La Paraski è una specialità spettacolare, che comprende lo sci alpino e il paracadutismo. Si tratta di una combinata in cui si effettuano due manches di slalom gigante su pista omologata FIS e sei lanci di precisione con il paracadute. Le squadre sono composte da quattro atleti che, dopo aver svolto le due manches di slalom gigante, si lanciano dall’elicottero a una quota di circa 900/1000 metri. Devono poi aprire il paracadute a quattro quote diverse per non ostacolarsi e quindi eseguire un circuito codificato, per atterrare uno dopo l’altro su un bersaglio del diametro di due centimetri. Per rendere il tutto più difficile, il bersaglio viene posto in un pendio inclinato di almeno 35 gradi ed essendo in quota montana, l’aria è più rarefatta, facendo così perdere al paracadute il 30% della sua efficienza. Le difficoltà di conduzione della discesa aumentano moltissimo e vince chi realizza i migliori tempi e totalizzando meno centimetri di errore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento