Pareggio per la Pallamano Cellini Padova che porta a casa 1 punto

Un sabato ricco d’emozioni al Palafarfalle di Padova. La pallamano Cellini Padov contro il Nuoroha messo in campo la volontà di imporsi in questo suo primo campionato femminile di seriaA1 Beretta

Un sabato ricco d’emozioni al Palafarfalle di Padova. La pallamano Cellini Padov contro il Nuoroha messo in campo la volontà di imporsi in questo suo primo campionato femminile di seriaA1 Beretta. Il Nuoro, come nelle precedenti partite (giocate con il Brixen e l’Oderzo), ha imposto da subito la sua difesa in grado di arginare le incursione delle avversarie potendo contare in tutta risposta su di un attacco che vede come punti cardine i terzini Radovic e Satta, che con le loro ripartenze rapide sanno mettere in difficoltà le squadre avversarie. 

La partita

La Difesa del Nuoro non ha impensierito la squadra di casa, con una incontenibile Eghianruwa Bevelyn, sorvegliata speciale della difesa delle atlete Sarde, e le instancabili sorelle Djiogap Carelle e  Vanessa,  grazie alle loro giocate miste di potenza e tecnica,  che hanno potuto contare su di un’ottima intesa con Martina Bearzi ed Elisa Lincetti. Un buon lavoro anche delle ali della Cellini Padova, Giorgia Meneghini e Marcela Damean, che hanno supportato il ritmo di gioco delle compagne, che ha portato il Nuoro a doversi esporre più di una volta per cercare di interrompere le incursioni delle atlete patavine, sempre più vivaci in fase d’attacco. 

Giovani

La giovanissima atleta della formazione della Cellini Padova Angela Prela (2005, Nazionale under17) trova spazio nel secondo tempo per riscrivere la storia di Davide ed il gigante Golia, diventata lei “la gigante” andando a marcare dai 9 metri l’incontenibile Sandra Radovic. Il poter puntare sulle giovani forze del vivaio non fa che rafforzare le basi della filosofia sportiva della società padovana, molto pragmatica ma che punta sul far crescere atleti che sappiano portare in campo i valori dello sport sano, con grinta e cuore.  

Pareggio giusto

Una partita, questa, che ha visto imporsi nei primi minuti di gioco la Cellini, ma che ha visto crescere il Nuoro portando le sorti della partita in equilibrio, dove quest’ultima si è inasprita nel secondo tempo, quando entrambe le squadre hanno aumentato i ritmi di gioco scoprendo tutte le carte in tavola; una gara combattuta che ha alzato l’asticella della qualità di gioco nella fase finale del secondo tempo, in cui le squadre si son dovute giocare fino agli ultimi secondi il risultato finale, che ha visto fermarsi il tabellone sul 35 a 35 facendo portare a casa un punto ad entrambe le formazioni.
Cartellino:
CELLINI PADOVA: 10Aroubi, Sara; 18Aroubi, Fatima; 6Bearzi, Martina(reti 2); 15Broch, Martina; 11Damean, Marcela; 3Djiogap Yvana; 4Djiogap Carelle (reti 10); 14Djiogap Vanessa (reti 7); 8Eghianruwa, Bevelyn (reti 14) 22Ghiraldo, Valentina; 7Lincetti, Elisa; 17Meneghini, Giorgia (reti 2);  25Orru, Isabel; 19Prela, Angela; 13Scolaro, Chiara.  All. Denemy G.
NUORO: 25Basolu Silvia (reti 5); 77Cester, Maida; 20Filindeu, Martina; 60Firinu, Lucia; 28Firinu, Benedetta; 10Madau, Giulia (reti3); 7Notarianni, Michela (reti 2); 1Podda, Marta; 98Radovic, Sandra (reti 11); 78Satta, Domenica(reti 13); 1Sitzia, Martina; 4Vinci, Gaja (1rete).  All. Deiana R.
Risultato finale: Cellini Padova 35 -35 Nuoro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento