menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il rendering del progetto presentato dalla società biancoscudata

Il rendering del progetto presentato dalla società biancoscudata

Tra soldi statali, doppi progetti e ultimatum: nuovo stadio Euganeo, facciamo chiarezza

Dopo l'incontro avuto nella giornata di lunedì 21 gennaio dall'assessore allo sport Diego Bonavina a Roma con i dirigenti del Coni si aprono vari scenari per il "restauro" dell'impianto di viale Nereo Rocco

I soldi del Bando Periferie, i progetti "incompatibili", l'ultimatum: l'argomento-stadio Euganeo rimane tra i più caldi all'ombra del Santo. Soprattutto dopo l'incontro avuto nella giornata di lunedì 21 gennaio a Roma dall'assessore allo sport Diego Bonavina con i dirigenti del Coni, e che ha aperto differenti scenari. Facciamo, dunque, chiarezza.

Il doppio progetto

Partiamo dal punto principale: il Coni ha detto chiaro e tondo a Palazzo Moroni che se non hanno intenzione di usare i due milioni di euro ottenuti grazie al Bando Periferie quei soldi verranno dati ad altri. E contando che il Comune contava di usarli per il proprio progetto sulla "ristrutturazione" dello stadio Euganeo, la domanda nasce spontanea: i due milioni di euro non possono essere utilizzati anche per il progetto della società biancoscudata? La risposta è chiara: no. Per volere di Roma, però. E il motivo è semplice: il contributo ottenuto è statale e legato, appunto, al Bando Periferie, quindi può essere adoperato solo per il progetto del Comune. Inoltre, c'è un ultimatum: giugno 2019. Il che vuol dire che entro quella data Palazzo Moroni dovrebbe procedere con la progettazione esecutiva dell’intervento per ottenere "fisicamente" il finanziamento. Ma attenzione al verbo che abbiamo volutamente utilizzato nella frase precedente: "dovrebbe". Perché qualora Roberto Bonetto si presentasse proprio entro giugno con i finanziatori promessi il Comune di Padova non avrebbe problemi a fare un passo indietro e ad avvalorare ulteriormente il progetto del patron biancoscudato, che già a dicembre aveva a dir poco colpito il sindaco Giordani e l'assessore Bonavina. Bisogerà aspettare altri sei mesi, dunque: solo allora si conoscerà il destino dello stadio Euganeo. Come finirà? Difficile pronosticarlo. Una cosa, però, è certa: il progetto presentato a dicembre dalla società di viale Nereo Rocco non è ancora tramontato...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento