Dal Bellunese Renzo Rampazzo, portacolori di Patavium Racing, punta al trofeo Clio R3 Open

Il pilota di Montegrotto Terme rilancia l'assalto al monomarca della casa francese, alla guida della consueta Clio R3

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

È giunto finalmente il momento, per Renzo Rampazzo, di riprendere dal proprio armadio tuta, casco, guanti e tornare a calarsi nell'abitacolo della Renault Clio R3. Obiettivo dichiarato per la stagione agonistica 2019, del portacolori di Patavium Racing, sarà la caccia al Trofeo Clio R3 Open, nella zona 4, che si aprirà il prossimo fine settimana con l'edizione numero trentaquattro del Rally Bellunese.

Il calendario prevede, oltre alla classica del rallysmo in Triveneto, anche il Rally Valli della Carnia (13 e 14 Luglio), il Rally Città di Scorzè (5 e 6 Agosto), il Rally del Friuli (2 e 3 Settembre) ed il gran finale al Trofeo ACI Como (27 e 28 Ottobre).

Alla riconfermata sinergia con Shade Motorsport, la quale seguirà il lato tecnico della Renault Clio R3, fa da contraltare la principale incognita di questo inizio stagione: Christian Dinale non potrà affiancare il pilota di Montegrotto Terme, il quale è riuscito a trovare un accordo con Massimo Sinigaglia.

«Dopo un 2018 di alti e bassi ci presentiamo al via di una nuova stagione» – racconta Rampazzo – «ed abbiamo deciso di porci come obiettivo quello di conquistare la zona 4 del Trofeo Clio R3 Open. Il calendario è composto da eventi che conosciamo abbastanza bene, avendoli già affrontati nel passato. L'unica, grossa, incognita della vigilia è il navigatore. Purtroppo Christian non potrà affiancarmi al Bellunese e, al suo posto, avrò il buon Massimo. Correre con lui mi fa tornare indietro di parecchi anni. Era la stagione 2006, ben tredici anni fa, quando condividevamo l'abitacolo della Renault Clio RS in gruppo N. Sarà un bel tuffo nei ricordi». 

Il Rally Bellunese, complice il poco tempo utile dall'annullamento dell'edizione 2018 causa maltempo, si ripresenta con lo stesso programma della passata stagione. I concorrenti si daranno appuntamento, nel tardo pomeriggio di sabato 23 marzo, per affrontare la speciale spettacolo “Oasi Circuit” (3,53 km). Si ripartirà all'indomani per disputare otto tratti cronometrati, suddivisi in tre tornate: nella mattinata saranno protagoniste le speciali di “Lentiai” (7,20 km), “Cesio” (6,80 km) e la lunga “Melere” (14,55 km). I tre crono saranno ripetuti, in serie, in orario di pranzo mentre alle sole “Lentiai” e “Melere” resterà l'onere, verso metà pomeriggio, di chiudere il programma di gara. «Il Bellunese ci evoca ricordi positivib – sottolinea Rampazzo – soprattutto nell'edizione del 2017 dove abbiamo chiuso al dodicesimo posto assoluto ed al secondo di classe R3C. Il percorso è, come da tradizione, molto veloce e tecnico. Bisogna mantenere alto il ritmo e la concentrazione se si vogliono ottenere buoni tempi. Un particolare ringraziamento a Patavium Racing, Shade Motorsport, E.Misure ed Autojolly.

Un pensiero, dal profondo del cuore, per l'amico di sempre, Roberto Segato, che ha subito un importante lutto nelle scorse giornate.»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento