Domenica, 26 Settembre 2021
Sport Selvazzano Dentro / Via Montecchia, 22

Al Tc Montecchia la finale femminile è tutta padovana

Nella finale maschile a confronto invece il veneziano Daniele Coletto che ha sconfitto il giovane patavino Davide Galvagnin, ed il trentino Alvise Zarantonello

Al Tc Montecchia è già ora di finali. Il torneo, cominciato il 26, arriva quindi al momento del suo atto conclusivo. Senza pubblico, ma con la sola presenza degli addetti ai lavori ed i rigidi protocolli delle norme federali anti-covid, il Montecchia Open è il terzo torneo stagionale che mette a confronto i migliori giocatori del triveneto e di altre 5 regioni dello stivale.

Coletto Daniele PP drive-2

Alle 14.00 va in scena la finale maschile che vedrà a confronto il veneziano Daniele Coletto che è riuscito a spegnere la verve del giovane patavino Davide Galvagnin, ed il trentino Alvise Zarantonello che con mestiere ha portato a casa questa finale sul giovane veronese Samuele Martorana. Un Coletto che sta ritrovando il filo del gioco e della forma fisica ideale che tempo fa gli ha consentito di avere un best ranking da 2.4. Ma oltre al gioco ha sciorinato in campo molto mestiere che con Galvagnin è servito tutto. Galeotti sono sempre stati i settimi giochi dove l’altalenante 3-3 ha sempre fatto da spartiacque per l’aggiudicazione del set.

Galvanin Davide PP drive wow-2

E così il giovane tennista del Tc Padova non è riuscito a sovvertire l’esito dell’incontro, solamente perché Coletto ha letto meglio la partita dall’alto della sua abitudine a gestire questi momenti. E questo stato di emozioni che ha pervaso anche l’altra semifinale risolta dall’esperto Zarantonello nei confronti dell’under 18 veronese Martorana. Un Martorana dotato di buona tecnica ed ottimi mezzi fisici, in grado di poter intervenire in modo efficace in tutti i ritmi di gioco, sebbene, come spesso accade nei giovani briosi di questa fascia, risultano spesso essere i più fallosi.

Vincenti Elisa Cesarina PP wow-3

Al contrario, nel femminile la meno “esperta” Carolina Gasparini è riuscita a mettere nel sacco la mestrina Valentina Trevisan, giusto per smentire quanto affermato prima. Il tennis è uno sport molto mentale e proprio questo tipo di sensazioni che lo rendono, spettacolare, palpitante ed incerto nel risultato, fino alla fine. La giovane tennista del Tc Padova è riuscita a portare a casa questa sua prima finale in carriera, ovviamente in un Open ed in particolare contro un’avversaria ostica. Segno che oltre ad una buona tecnica la padovana in campo è dotata anche di solidità mentale. Un terzo set al tie-brak che ha lasciato solo due punti alla Trevisan e che l’ha catapultata sul podio. Con chi giocherà questa finale ? Sarà una finale tutta padovana, perché la sua avversaria di oggi sarà la tennista del Plebiscito Elisa Cesarina Vincenti che ieri ha archiviato la pratica Gaia Cipriani in poco più di un’ora per 6/2 6/3. La Vincenti è abituata ad altre avversarie più difficili e ad un gioco più impegnativo, tant’è che in casa sua nell’Open Acquaviva è uscita di scena al terzo set con la piemontese Schieroni successivamente approdata in semifinale. Arbitrerà entrambi gli incontri il giudice di sedia Gino Friso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Tc Montecchia la finale femminile è tutta padovana

PadovaOggi è in caricamento