Tennis, che impresa per il Centro Sportivo Plebiscito: conquistata la promozione in serie A2

Una promozione più che meritata per la squadra patavina: decisiva la vittoria ai playoff contro l'AT Piombinese

Selfie di squadra dopo la splendida vittoria

Una promozione sofferta e meritata: la squadra di tennis del Centro Sportivo del Plebiscito conquista la giornata di ritorno nel tabellone di play-off per 3 a 2 e si assicura un posto nella serie A2 della prossima stagione.

Playoff

Un campionato “rivisitato”, quello di questa stagione: tre le giornate del girone, costruito in base a criteri di vicinanza, e un tabellone di play-off riservato alle sole prime classificate e alla migliore seconda squadra di tutti i gironi. Il C.S. Plebiscito, proprio in base a criteri di vicinanza, era inserito in un girone di altissima qualità insieme a TC Padova, CT Argentario e CT Trento: con due vittorie (su CT Argentario e CT Trento) e un pareggio (su TC Padova), al termine della prima fase si è trovato in assoluta parità in testa al girone. Il lancio della monetina (per regolamento, in assoluta parità, ultimo criterio per definire la classifica), in sede centrale a Roma, ha poi designato il C.S. Plebiscito come prima classificata, non cambiando comunque la certa qualificazione al tabellone di play-off, in caso di estrazione sfavorevole, come migliore seconda di tutti i gironi (grazie all’imbattibilità della giocatrice “vivaio” Gloria Ceschi). Nel tabellone di play-off la squadra bianco-rossa è stata estratta contro AT Piombinese: una squadra ostica, con cui la settimana scorsa, sui temibili campi in Mateco (cemento), le patavine sono riuscite ad aggrapparsi ad un sofferto pareggio dopo essersi trovate in svantaggio per 2 a 1 (con le vittorie di Giulia Crescenzi su Sara Gambogi e del doppio Crescenzi/Ceschi su Chplac/Gambogi, conquistato al match tie-break), rendendo così la giornata di ritorno ancora più decisiva.

Il ritorno

La giornata decisiva si gioca in casa: al Centro Sportivo 2000 di Padova, le prime ad entrare in campo domenica 2 agosto sono la numero 1 Federica Arcidiacono (2.2, 699 WTA) opposta all’argentina Agustina Chlpac (2.2) e la numero 2 Giulia Crescenzi (2.3, 986 WTA), contro la giovane 2.4 Cristina Pescucci: tutto semplice per Crescenzi, che doma facilmente l’avversaria con il punteggio di 6/1 6/3, mentre Federica Arcidiacono trova l’argentina in giornata totalmente positiva e non riesce a ribaltare il risultato dell’andata cedendo per 6/1 6/2. Scende in campo la patavina Gloria Ceschi (2.4, 1005 WTA) opposta alla forte Sara Gambogi (2.4 e 763 WTA): protagonista di una bella battaglia, Gloria non riesce a ribaltare il pronostico cedendo per 7/6(4) 6/3. Il Plebiscito si trova quindi, come in andata, in situazione di svantaggio per 2 a 1, e per allungare il match e portare le avversarie allo spareggio decisivo, deve prima conquistare il primo doppio: Giulia Crescenzi/Gloria Ceschi partono tese, sentendo il peso e l’importanza del match, ma riescono a chiudere dominando il secondo set (7/6(6) 6/1 contro le due giocatrici “vivaio” avversarie Sara Gambogi/Cristina Pescucci). Sul 2 pari, la promozione si gioca tutta al doppio di spareggio: la formazione vincente non viene cambiata, scendono nuovamente in campo Giulia Crescenzi e Gloria Ceschi, al terzo match di giornata entrambe, mentre AT Piombinese schiera Cristina Pescucci, anch’essa al terzo match, e l’argentina Chlpac, tenuta “fresca” per l’occasione. Il Plebiscito in breve si issa sul 5 a 1, con un ottimo livello di gioco espresso da entrambe le portacolori del circolo patavino, poi qualcosa cambia e complici la stanchezza fisica, ma soprattutto la tensione, le padrone di casa crollano perdendo il primo set per 5 a 7, dopo aver mancato ben due set point sul 5/4. Il match diventa tutto in salita: entrambe le coppie non cedono, le avversarie alzano il livello di gioco e concedono pochi errori, mentre le padrone di casa si trovano a dare battaglia punto per punto. Pochi punti di differenza e un maggiore coraggio fanno conquistare alle patavine il secondo set per 6/4. La promozione si gioca tutta al super tie-break del terzo set: due errori di disattenzione fanno subito issare le toscane sul 2 a 0, ma Gloria Ceschi e Giulia Crescenzi trovano la grinta e le forze necessarie a riprendere il controllo del match, rendendosi più aggressive e coraggiose nel gioco, con belle entrate a rete e pochi errori al servizio, e conquistando il match e la promozione per 10 a 4 al match tie-break del terzo set.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Promozione

Una promozione più che meritata per la squadra patavina, che si è trovata quest’anno a combattere non solo contro le avversarie in campo, tutte competitive e di alto livello, ma anche contro una serie di circostanze sfavorevoli (tra cui un’intossicazione alimentare di due giocatrici), e che va a coronare il sogno di ritorno in A2 da parte della società e di tutta la 2001 Team, riconoscendo il duro lavoro di tutte le giocatrici, i tecnici e lo staff. Una promozione, soprattutto, guadagnata sul campo da tutte le giocatrici, Federica Arcidiacono, Giulia Crescenzi, Gloria Ceschi, Cecilia Maria Barbiero, Claudia Hoste-Ferrer, e dai capitani Giorgio Zanzarin e Alessandro Paunescu, che con passione hanno lasciato anima e corpo in ogni match, senza mai perdere determinazione. Un grande ringraziamento a loro, allo sponsor tecnico della squadra Joma, e a tutti i tifosi che hanno supportato la squadra sostenendola in casa, in trasferta e seguendola tramite Live Score.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • «Dov’è la felicità? È molto lontana, è vicino a Padova», il meme diventa virale

  • Tragedia nella Bassa: bimba di un anno e mezzo muore investita dal nonno

  • Frontale tra una Punto e un furgoncino: 17enne padovana perde la vita

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento