Sport

Tennis, Open di Acquaviva: ultime battute per il torneo di Natale giunto alle fasi conclusive

Cabina di regia tutta rosa con Beatrice Barbiero e Maria Vincenza Mastronardi che si sono avvalse dei giudici di sedia Miche Borchia e Marco Raffagnato

Federica Arcidiacono

All’Acquaviva di Via Naccari ultime battute per l’Open di Natale che vedeva al via oltre 400 tennisti ed un montepremi complessivo di 4mila euro suddivisi tra singolari e doppi maschili e femminili. Cabina di regia tutta rosa con Beatrice Barbiero e Maria Vincenza Mastronardi che si sono avvalse dei giudici di sedia Miche Borchia e Marco Raffagnato dando il pass per le finali.

Assenza di pubblico

Organizzazione impeccabile, nonostante la forzata assenza di pubblico, che ha fornito un buon servizio di live streaming a quasi 3.000 spettatori che hanno seguito via social le evoluzioni dei giocatori. Su facebook Accademia Tennis Plebiscito Padova anche oggi, le ultime gare di questa lunga maratona di incontri che cala il sipario su una kermesse durata ben 25 giorni. Si inizia alle 14 con il doppio maschile che vede con orgoglio i due pupilli di casa Favero e Bergagnin opposti ai vicentini Tamiello-Giacomini. Alle 16 altra soddisfazione per il Club organizzatore che vede la giocatrice di casa Federica Arcidiacono incrociare la racchetta con la veronese Aurora Zantedeschi. L’under 18 veneta, è riuscita ad aggredire l’esperta giocatrice Di Sarra con tessera piemontese estromettendola dalla finale in soli due set. E come al solito invece una “Arci” diesel, nell’altra semifinale che ha bisogno di scaldare il motore, per andare in temperatura ottimale di resa. Per Federica Arcidiacono nettamente in svantaggio nella prima frazione con la brianzola Valentina Losciale, suona la campanella nella seconda frazione di gioco che prontamente si riscatta con un percorso netto e, sulle ali dell’entusiasmo porta a casa un altro positivo sulla pari classifica, ma soprattutto una meritata e sudata finale.

Serata

Alle 18 duello muscolare tra Kirill Kivattsev della Canottieri Padova che ha regolato con un doppio 6/1 il torinese Luca Tomasetto ed favorito Viktor Galovic con tessera fiorentina che è riuscito a vincere l’insidia patavina Alessandro Ragazzi. Il mancino di casa non è riuscito nell’impresa, sfiorata anche il giorno precedente dall’altro padovano Giacomini. Non tanto per un suo demerito, quanto per la granitica lucidità di Galovic che nei momenti topici sfoderava tutta la sua classe che lo pone tra i migliori venti giocatori d’Italia ed entro i 300 mondiali. Ragazzi le ha provate davvero tutte, cercando di spiazzare Galovic, che a tratti risultava falloso, proprio per le geometrie insidiose del giocatore di casa. Un doppio 6/4 per il croato e finale che promette scintille con Kivattsev. Nel frattempo al Plebiscito sta continuando l’altra kermesse speculare a quella dell’Acquaviva, dove stanno dandosi tenzone i giocatori di seconda categoria e tante sfide di rivincita. Il Tc Feriole Montecchia ha innalzato a categoria Open il torneo maschile e femminile che è iniziato il 26, sotto la guida di Eva Contin che conta a tutt’oggi 240 giocatori, kermesse, che si gioca sia a Montecchia che a Galzignano e si concluderà il 10/1/21.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tennis, Open di Acquaviva: ultime battute per il torneo di Natale giunto alle fasi conclusive

PadovaOggi è in caricamento