Imprenditore suicida, Confindustria "Crisi non è superata, ora risposte"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

"C'è cordoglio, dolore e profonda inquietudine, e davvero poca voglia di parlare davanti a questa tragedia, l'ennesima, che ci tocca come persone e come imprenditori. Situazioni come questa sono il volto più duro di una crisi che, voglio rendere noto ai molti distratti, dura da più di cinque anni e non abbiamo ancora superato. Dentro questa crisi c'è la resistenza dignitosa e la solitudine di tanti imprenditori coraggiosi, e c'è il dramma reale di chi ha perso il posto di lavoro e di tanti imprenditori messi in ginocchio da difficoltà più grandi. Farsi carico di questo dramma, rispettare le persone e le imprese e aiutarle a rialzarsi, significa dare risposte". Così il presidente di Confindustria Padova, Massimo Pavin dopo aver appreso la notizia del suicidio a Padova dell’imprenditore titolare di un noto e storico gruppo editoriale.

CONFESERCENTI: "È allarme imprenditoricidio" - ZAIA: "Politica e istituzioni reagiscano" - NUMERO VERDE ANTI-SUICIDI: 1137 chiamate di imprenditori in crisi - COMITAS: "Suicidi per problemi economici aumentati del 30% negli ultimi 4 anni"

"È un dovere di tutti, nessuno escluso - prosegue Pavin - farsi un esame di coscienza spietato, chiedersi cosa si poteva fare e non è stato fatto, adoperarsi in ogni modo per fermare le “morti bianche” come questa. Un dovere di tutti, associazioni di categoria, banche, soggetti pubblici, ma sopra tutti di chi ha le maggiori responsabilità davanti al Paese e invece continua a dare, anche in questi giorni, prova di egoismi, calcoli di convenienza, ostinata indifferenza ai problemi reali. L'Italia è un paese ormai da anni ostaggio di una politica cinicamente distante. Serve una scossa sì, ma prima di tutto morale. Tragedie come questa siano uno schiaffo per tutti, un richiamo a farsi carico dei problemi reali e ad avere più responsabilità, collettiva e individuale. Esprimo alla famiglia dell'imprenditore, ai collaboratori e a tutte le persone a lui vicine il dolore e la vicinanza mia e di tutta Confindustria Padova".

Torna su
PadovaOggi è in caricamento