rotate-mobile
Arredare

Come scegliere il miglior letto matrimoniale senza commettere errori

Il letto matrimoniale deve essere bello, comodo e di design e per non commettere errori durante la scelta ecco alcuni consigli

Arredare casa è sempre una questione delicata, ancora di più se si tratta della camera da letto. Questa stanza infatti deve rispecchiare il nostro gusto personale e il letto matrimoniale è senza dubbio l’elemento che fa capire più di altri la personalità di chi abita in un appartamento.

Quando si deve scegliere il letto giusto, entrano in ballo tanti fattori: bisogna considerare le dimensioni della camera, in che punto sono posizionate le finestre (dunque l’illuminazione), senza mai mettere in secondo piano i nostri gusti. Se pensiamo che la scelta del letto matrimoniale sia complicata ci sbagliamo di grosso, dobbiamo semplicemente esaminare alcuni aspetti e l’arredo diventerà un gioco da ragazzi.

Le dimensioni della camera da letto

Prima di scegliere il letto matrimoniale, dobbiamo analizzare lo spazio a disposizione all’interno della camera da letto e dove collocarlo. Solitamente è addossato ad una parete e lontano dalla finestra per non avere la luce diretta o i rumori esterni. Inoltre, dobbiamo avere almeno 60 cm di spazio libero intorno al letto per poter camminare e aprire comodamente le ante dell’armadio.

Le dimensioni di un letto matrimoniale

Riuscire a muoversi agevolmente all’interno della stanza è molto importante quindi la dimensione del letto ricoprono un ruolo fondamentale perché devono unire comfort e praticità. I modelli in commercio sono differenti:

  • Letto matrimoniale francese: le dimensioni sono 140 x 200 cm
  • Letto matrimoniale queen size: adatto per chi vuole un modello confortevole e ampio, le dimensioni sono 150 x 190/200 cm
  • Letto matrimoniale standard: chi ha una stanza di dimensioni normali potrà acquistare questo tipo di letto grande 160 x 190/200 cm
  • Letto matrimoniale king size: perfetto nelle stanze di ampie dimensioni solitamente ha una grandezza di 180/200 x 190/200 cm

I modelli del letto matrimoniale

La scelta del letto non si deve basare solo sulle dimensioni, ma anche sul modello e in commercio ne esistono di diversi:

  • Letto matrimoniale basso: tipico dei paesi orientali è perfetto per rilassarsi, la struttura in legno è essenziale e spesso viene abbinata ad un materasso basso o al futon
  • Letto matrimoniale a scomparsa: nei monolocali è la soluzione migliore per unire design e praticità, infatti, è perfetto per ridurre al minimo l’ingombro senza rinunciare a nulla. Inserito all’interno di un armadio a ponte, con un semplice gesto può essere aperto o chiuso, inoltre, ha il vantaggio di facilitare la pulizia, perché non c’è l’ingombro del letto.
  • Letto matrimoniale a baldacchino: il più classico dei letti, molto in voga all’inizio del secolo è perfetto se siamo amanti di uno stile romantico. Per rendere meno pesante l’arredo possiamo sostituire la struttura in legno e la stoffa drappeggiata, con un letto in ferro con tende realizzate in un tessuto leggero
  • Letto matrimoniale contenitore: ideale nelle camere di piccole dimensioni, questo modello nasconde sotto al materasso e alle doghe in legno della rete, uno spazio ampio in cui conservare la biancheria da camera o i vestiti. Basta sollevare la struttura, grazie ad un sistema di pistoni idraulici, e avremo a disposizione tutto quello di cui abbiamo bisogno.
  • Letto matrimoniale con cassetti: a differenza di quello con contenitore ha i cassetti sui lati che assicurano la stessa capienza dei precedenti, ma in questo caso bisogna prendere in considerazione lo spazio laterale disponibile che non deve essere inferiore ai 35/40 cm di profondità.

I materiali del letto matrimoniale

I letti sono realizzati in differenti materiali e molto dipende dai gusti, il più diffuso è quello in legno di pino, faggio ed abete. Un altro classico è quello in ferro battuto, anche se più costoso di sicuro è un arredo di design.

L’importanza della testiera e pediera del letto matrimoniale

Il letto matrimoniale può essere arricchito da due accessori: la testiera e la pediera. La prima, inizialmente aveva solo la funzione di abbellire la struttura, con il passare del tempo e con le stanze sempre più piccole, è diventata un valido sostituto dei comodini su cui sistemare lampade e piccoli oggetti. Ad esempio i modelli contenitore nella parte laterale hanno piccoli scaffali dove sistemare orologi o libri. La pediera, invece, ha un ruolo solo estetico e serve a delineare il contorno del letto. Tipica in quelli in ferro battuto, occupa spazio quindi è sconsigliata nelle stanze di piccole dimensioni.

Come scegliere il materasso

La scelta del letto passa anche attraverso quella del materasso che deve essere confortevole e in grado di farci riposare al meglio. I modelli in commercio si dividono in:

  • Materasso a molle: è quello classico, dotato di elasticità e supporto, può essere realizzato in materiali come la lana e il cotone
  • Materasso a molle indipendenti: più resistente del precedente, in questo caso le molle sono insacchettate una ad una e si muovono in modo indipendente tanto da formare una superficie di tipo alveolare. Spesso realizzato in cotone o lana, garantisce maggiore traspirazione e ricircolo dell’aria
  • Materasso in lattice: realizzato con un materiale al 100% naturale, è traspirante e confortevole perché riesce a sopportare differenti pesi
  • Materasso in Memory Foam: compatto e resistente ha bisogno di poca manutenzione, inoltre, ha il vantaggio di adattarsi al corpo

Prodotti online

Arredamento a Padova, a chi rivolgersi? Solo qualche consiglio

(fonte elenco esercizi qui)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come scegliere il miglior letto matrimoniale senza commettere errori

PadovaOggi è in caricamento