Arcangelo - Fiori di Croco alla libreria antiquaria Minerva di Padova

Il fiore di croco, pianta spontanea che cresce nei prati, lungo le strade, è la fonte di ispirazione del nuovo ciclo di opere di Arcangelo. L’artista campano, protagonista della scena artistica italiana ed internazionale dalla seconda metà degli anni ‘80, da sempre procede per cicli, a partire da “Terra mia” ai Sanniti, all’incontro con l’Africa dei Dogon o dei Masai, i Tappeti Persiani o le ispirazioni dall’Oriente.

I fiori di croco

Sono momenti di un lungo viaggio, tappe compiute o a volte solo immaginate, che ha il suo radicamento nella terra del sud, nelle radici dell’artista, tra Benevento ed Avellino. I lavori che si ispirano al croco, a questo fiore tanto caro ai poeti, da Omero a Pascoli, a Montale, dialogano ora con uno spazio carico di libri, la Libreria Antiquaria Minerva, a due passi dalla Basilica del Santo e dall’Orto Botanico, luogo per eccellenza dedicato alla vita vegetale. Un incontro che appare naturale, segno di una condivisione di interessi, di un desiderio di nutrimento comune, a sigillare ancora una volta lo stretto legame che unisce arte e letteratura. Per Arcangelo i fiori di croco, quelli che i romani usavano deporre sulle tombe dei defunti come simbolo di speranza per accompagnare il loro viaggio verso la vita ultraterrena, sono il ricordo dei bordi della via Appia, della strada che collega dal tempo dei romani le due città delle sue origini. Sono i testimoni, i custodi, della complessa poetica di un’artista che non smette mai di incrociare, arricchire, nutrire, la sua eredità culturale, quella legata alla terra d’origine, con quella di altri popoli e altri luoghi. Un radicamento alle origini che “ha saputo evolversi e trasformarsi - ha scritto in passato Ivan Quaroni - in qualcosa di più potente e universale, generando una pittura a vocazione ‘globale’, popolata di suggestioni provenienti dall’Africa e dal Vicino Oriente, dal Mediterraneo, dalla lontana Cina e da molto altro ancora”Arcangelo è un pittore italiano nato ad Avellino nel 1956.

Arcangelo

Formatosi all’Accademia di belle arti di Roma, esordisce in Germania alla Galleria Tanit di Monaco di Baviera e a Basilea alla galleria Buchmann e con Perspective, esposizione in occasione di Art Basel, Basilea. Seguono la Galerie Janine Mautsch, Köln, Galerie Pierre Huber, Genève, Museum der Stadt, Esslingen, Galerie Maeght-Lelong, Paris, Edward Totah Gallery, Londra. Partecipa alle Quadriennali di Roma

A Milano inaugura presso gli spazi della Galleria Guenzani e al P:A:C. di Milano, continuano le esposizioni in grandi spazi mussali e privati, Museo d’Arte Moderna, Toulouse, Kaj Forsblom Gallery, Helsinki, Centro d’Arte Contemporanea La Ferme du Buisson, Marne-La-Vallée, Galleria Municipale d’Arte Contemporanea, St. Priest, Kodama Gallery, Osaka, Galleria Otto, Bologna, Galerie Alice Pauli, Lausanne, Galleria Di Meo, Parigi 1996; Galleria Gentili, Firenze, Caffè Florian, Venezia, Fondazione Volume!, Roma, Lorenzelli Arte, Milano, Marco rossi artecontemporanea, Milano, Verona, Torino, Galleria Tanit, Beirut.

Nel 2015 riceve il premio Bugatti-Segantini alla carriera artistica. La ricerca di Arcangelo “artista radicale” è fondata sul senso di appartenenza, e sulla condivisione di una eredità culturale, quella sannita, che egli ha saputo estendere e trasformare, fino a comprendere i retaggi di altri luoghi e altri popoli, partendo negli anni ‘80 con opere in cui il gesto scarnificato e i materiali poveri come terre, carboni e pigmenti puri, trasformano il paesaggio in una stupefacente visione della natura astratta ma corporea. La terra per l’artista costituisce un imprescindibile punto di riferimento per spingersi altrove, e fare esperienza delle suggestioni e gli archetipi dei luoghi. Dagli anni novanta, la rappresentazione del territorio e la valorizzazione delle sue caratteristiche acquista una dimensione anche installativa ed estremamente sognante sul colore. Oltre che come pittore, è incisore e scultore.

Info web

https://www.facebook.com/libreriaminervapadova/

https://www.leparolediminerva.com/2019/11/fiori-di-croco.html

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "A nostra immagine", scultura in terracotta a Padova nel Rinascimento al Museo Diocesano

    • dal 15 febbraio al 27 settembre 2020
    • Museo Diocesano
  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 11 aprile 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 18 aprile 2021
    • Palazzo Zabarella

I più visti

  • Tutti gli eventi di settembre a Cittadella

    • dal 5 al 28 settembre 2020
    • Cittadella
  • "Notturni Padovani 2020 tra arte, vie d'acqua e sapori": visite, escursioni, serate gastronomiche ed eventi

    • dal 10 luglio al 30 settembre 2020
  • Tour in bicicletta al Castello del Catajo

    • dal 30 maggio al 31 ottobre 2020
    • Radisson Blu Resort
  • Anime Verdi Festival 2020: visite ai giardini privati del centro storico di Padova

    • da domani
    • dal 26 al 27 settembre 2020
    • Padova
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    PadovaOggi è in caricamento