Padova i Martedì al Cinema a 3 euro, secondo appuntamento

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 10/03/2015 al 10/03/2015
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    3 euro
  • Altre Informazioni

Secondo appuntamento a Padova con i Martedì al Cinema a 3 euro

Secondo appuntamento, martedì 10 marzo 2015, nelle sale cinematografiche di Padova, aderenti alla Fice, con la IX edizione de “La Regione Veneto per il cinema di qualità. I martedì al cinema”, rassegna organizzata dalla Regione del Veneto, in partnership con la Federazione Italiana Cinema d’Essai (FICE) delle Tre Venezie, l’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo (AGIS) delle Tre Venezie e con il sostegno di Alì Aliper.

Al Cinema Il Lux, le proiezioni a tre euro inizieranno alle 18.15 con la proiezione in lingua originale, sottotitolata in Italiano, di “Mr. Turner” (Gran Bretagna 2014, 149’), opera diretta da Mike Leigh con Timothy Spall, Premio Migliore interpretazione maschile al Festival di Cannes 2014. Il film è una cronaca dell'ultimo quarto di secolo vissuto dal celebre pittore inglese J.M.W. Turner. Profondamente scosso dalla morte del padre, amato dalla devota governante Hanna, stringerà un forte legame con la vedova Booth e insieme a lei vivrà una doppia vita, nella casa al mare della donna a Chelsea, dove morirà nel 1851. Nel frattempo, Turner viaggerà a lungo, dipingerà molti dei suoi capolavori, frequenterà l'aristocrazia così come le case di tolleranza. Popolare, sebbene anticonformista, socio della Royal Academy of Arts, arriverà a farsi legare all'albero di una nave durante le intemperie per dipingere una tempesta. Segue, alle 21.00, l’opera vincitrice del Leone d'Oro alla Mostra internazionale cinematografica di Venezia 2014: “Un Piccione Seduto su un Ramo Riflette sull'Esistenza” di Roy Anderson (Svezia 2014, 100’). Una serie di storie quotidiane e fuori dal comune che ritraggono la nostra esistenza nella sua grandiosità e nella sua meschinità, nella bellezza e nella tragedia, nell’esagerazione e nella tristezza: in una prospettiva aerea, come raccontate da un uccello che riflette sulla condizione umana. Il piccione è sorpreso dagli uomini, e cerca di dare un senso e capire le loro attività, le follie, l’orgoglio e l’agitazione.

Al MultiAstra si potrà assistere, alle 18.30, a “Timbuktu” (Francia, Mauritania 2014, 97’) del regista Abderrahmane Sissako, Premio César 2015 come miglior film. Non lontano da Timbuktu, occupata dai fondamentalisti religiosi, in una tenda tra le dune sabbiose vive Kidane, in pace con la moglie Satima, la figlia Toya e il dodicenne Issan, il giovanissimo guardiano della loro mandria di buoi. In paese le persone soffrono sottomesse al regime di terrore imposto dai jihadisti determinati a controllare le loro vite. Musica, risate, sigarette e addirittura il calcio, sono stati vietati. Le donne sono state obbligate a mettere il velo ma conservano la propria dignità. Ogni giorno una nuova corte improvvisata emette tragiche e assurde sentenze. Kidane e la sua famiglia riescono inizialmente a sottrarsi al caos che incombe su Timbuktu. Ma il loro destino muta improvvisamente quando Kidane uccide accidentalmente Amadou, il pastore che aveva massacrato Gps, il bue della mandria a cui erano più affezionati. Kidane sa che dovrà affrontare la corte e la nuova legge che hanno portato gli invasori. Alle 18.45 è in programma il film biografico “The Imitation Game” (USA 2014, 113’) di Morten Tyldum, Premio Oscar 2015 per Migliore sceneggiatura non originale. Durante l'inverno del 1952, le autorità britanniche entrarono nella casa del matematico, cripto analista ed eroe di guerra Alan Turing per indagare su una segnalazione di furto con scasso. Finirono invece per arrestare lo stesso Turing con l'accusa di “atti osceni”, incriminazione che lo avrebbe portato alla devastante condanna per il reato di omosessualità. Le autorità non sapevano che stavano arrestando il pioniere della moderna informatica. Noto leader di un gruppo eterogeneo di studiosi, linguisti, campioni di scacchi e agenti dei servizi segreti, ha avuto il merito di aver decifrato i cosiddetti codici indecifrabili della macchina tedesca Enigma durante la II Guerra Mondiale. Le proiezioni proseguono, alle 20.30 con “Whiplash” di Damien Chazelle, (Drammatico, USA, 107’) con J. K. Simmons, Oscar 2015 come Miglior Attore non protagonista. Andrew, diciannove anni, sogna di diventare uno dei migliori batteristi di jazz della sua generazione. Ma la concorrenza è spietata al conservatorio di Manhattan dove si esercita con accanimento. Il ragazzo ha come obiettivo anche quello di entrare in una delle orchestre del conservatorio, diretta dall’inflessibile e feroce professore Terence Fletcher. Quando infine riesce nel suo intento, Andrew si lancia, sotto la sua guida, alla ricerca dell’eccellenza. Chiude la programmazione a tre euro al Multiastra, alle 21.00, “Patria” (Italia 2014, 87’) film drammatico di Felice Farina con Francesco Pannofino, Roberto Citran e Carlo Gabardini. Il film è stato presentato in anteprima alle Giornate degli Autori alla Mostra del Cinema di Venezia ed è liberamente ispirato all'omonimo libro di Enrico Deaglio. La fabbrica chiude e licenzia, l’ennesima nel torinese. Salvatore Brogna, operaio, si arrampica sulla torre della fabbrica, per protesta o forse solo per rabbia cieca, minacciando di buttarsi giù. Giorgio, operaio rappresentante sindacale, di carattere e fede politica del tutto opposti, arriva per salvarlo dalla caduta. Il terzo, ipovedente e autistico, custode assunto come categoria protetta, si aggiunge scalando eroicamente la torre per fare loro compagnia. Nell’arco di una notte, abbandonati da tutti, nella disperata attesa che arrivi qualche giornalista, questi tre punti di vista così diversi sul mondo ripercorrono gli ultimi trent’anni della vita del Paese, gli anni che li hanno portati su quella torre pericolosa.

Il Multisala Porto Astra dedica agli spettatori più piccoli la prima proiezione, alle 17.05, con “Shaun, vita da pecora” (Gran Bretagna, Francia 2015, 85’) di Mark Burton tratto dall’omonima serie televisiva di grande successo. La pecora Shaun e i suoi amici decidono di prendersi un giorno di riposo alla fattoria e fanno addormentare il fattore. Ma la roulotte in cui il fattore riposa si avvia da sola sulla strada che porta alla città, e in seguito a una contusione l'uomo subisce un trauma che gli fa perdere completamente la memoria. Il fattore è prima ricoverato in ospedale, poi diventa parrucchiere di grido e le pecore faticano a trovarlo in città. Alle 17.15 e alle 19.50 si potrà invece, assistere alla commedia diretta da Edoardo Leo “Noi e la Giulia” (Italia 2015, 115’).  Diego (Luca Argentero), Fausto (Edoardo Leo) e Claudio (Stefano Fresi) sono tre quarantenni insoddisfatti e in fuga dalla città e dalle proprie vite, che da perfetti sconosciuti si ritrovano uniti nell'impresa di aprire un agriturismo. A loro si unirà Sergio (Claudio Amendola), un cinquantenne invasato e fuori tempo massimo, ed Elisa (Anna Foglietta), una giovane donna incinta decisamente fuori di testa. Ad ostacolare il loro sogno arriverà Vito (Carlo Buccirosso), un curioso camorrista venuto a chiedere il pizzo alla guida di una vecchia Giulia 1300.

Al Cinema Rex è in programma, alle 21.00, Selma - La Strada per la Libertà” (Biografico, Gran Bretagna 2014, 127 min) di Ava DuVernay, che ha visto John Stephens e Lonnie Lynn premiati agli Oscar 2015 per la migliore canzone. Ambientato negli Stati Uniti nel 1965, durante la presidenza di Johnson, il film è la storia della marcia della comunità nera della città di Selma per protestare contro gli abusi subiti dai cittadini afroamericani. Per la prima volta viene portata sul grande schermo la vita di Martin Luther King in un film che vede attori di grande rilievo come Tim Roth, Giovanni Ribisi, Cuba Gooding Jr. e Oprah Winfrey. L’opera racconta la sequenza di una serie di dettagli storici sbalorditivi, sia piccoli che grandi e che includono anche l’intensa e antagonistica relazione tra il Dr. King e il Presidente Lyndon Johnson, il preoccupante coinvolgimento dell’FBI e l’indistruttibile spirito di donne e uomini comuni che si sono uniti e sacrificati per i diritti di voto. Il film verrà proiettato in lingua originale sottotitolato in italiano.

Quattro sono i film che sarà possibile vedere a costo ridotto al Multisala Pio X – MPX di via Bomporti. Alle 16.10 e 21.15 è in programma “Black Or White” (USA 2014, 121’) del regista Mike Binder con Kevin Costner. Le tensioni provocate dalle differenze razziali segnano la dolorosa storia familiare dell'avvocato Elliot Anderson che, insieme alla moglie, ha cresciuto la nipote di colore Eloise. Rimasto vedovo, Elliot dovrà lottare con Rowena, la nonna della bambina, per ottenerne la custodia legale. Alle 17.00 e 21.10 si potrà assistere alla proiezione di “Dancing with Maria” (Italia Argentina, Slovenia 2014, 75’) lungometraggio documentario d’esordio del regista Ivan Gergolet dedicato a María Fux, danzatrice argentina di novant’anni. Nel suo studio di Buenos Aires accoglie allievi di qualsiasi condizione sociale, con limitazioni fisiche e mentali. Dopo aver sperimentato e trasmesso per tutta la vita il suo metodo sulla simbiosi con la musica, María prende in consegna un’ultima allieva, forse la più difficile: se stessa. Segue, alle 18.40, la commedia “The Repairman” (Italia 2013, 89’) di Paolo Mitton, storia curiosa e ironica delle disavventure di Scanio Libertetti. Interpretato da Daniele Savoca, Scanio è un ingegnere mancato che si guadagna da vivere riparando macchine da caffè. In seguito ad un'infrazione si trova a seguire un corso di recupero punti in un'autoscuola di provincia. Chiamato a spiegare come abbia perso la patente, travolge insegnante e compagni di corso con il racconto del suo ultimo anno di vita. Sempre alle 18.40 è in cartellone l’opera, Premio FIPRESCI al Festival Internazionale del Cinema di San Sebastiàn 2014, “Il Segreto del suo Volto” di Christian Petzold (Germania, 2014, 98’). Giugno 1945. Sopravvissuta al campo di sterminio di Auschwitz, Nelly torna a Berlino, dov’è nata, gravemente ferita e col volto sfigurato. Ad accompagnarla c’è Lene, impiegata dell’Agenzia ebraica e amica di Nelly da prima della guerra. Senza neppure aspettare di essersi ripresa dall’intervento di chirurgia plastica al viso, e contro il parere di Lene, Nelly parte alla ricerca di suo marito, Johnny: l’uomo che ha cercato fino alla fine di proteggerla dalla persecuzione nazista.

Il costo del biglietto è di 3 euro. Nel caso di Multisala verificare preventivamente quali proiezioni sono a 3 euro. La prenotazione dei posti è facoltà riservata alla gestione della sala.  Ogni settimana sarà possibile verificare quali opere sono in programmazione a tre euro sul sito internet www.spettacoloveneto.it.

Per informazioni:
Fice Tre Venezie
Tel. 049 8750851
fice3ve@agistriveneto.it
www.spettacoloveneto.it
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 6 giugno 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Paolo Conte al Gran teatro Geox

    • 17 aprile 2021
    • Gran Teatro Geox
  • Tutti gli eventi di aprile a Cittadella

    • dal 2 al 30 aprile 2021
    • Cittadella
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento