rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024

Elly Schlein a Padova: «Difendiamo la sanità pubblica. Pronti a tornare a vincere ovunque»

All'Arcella più di 500 persone per ascoltare la segretaria del Partito Democratico alla Festa dell'Unità. Ha parlato di stipendi spiegando la differenza che c'è tra la loro proposta e quella del salario minino ma soprattutto ha più di tutto ha parlato di sanità. Non sono mancate le critiche al Governo Meloni

C'erano più di 500 persone ad attenderla, è arrivata accompagnata dall'onorevole Alessandro Zan che erano da poco passate le 19 e 30. Arrivava da Milano dove ha preso il treno dopo una serie di incontri tra cui quello della Festa dell'Unità meneghina. In treno è poi giunta a Padova dove questa sera, dopo l'appuntamento all'Arcella ha fatto un passaggio anche alla Festa di Coalizione Civica al Parco Prandina e successivamente è stata anche al Pride in zona fiera. 

«Siamo pronti a tornare a vincere ovunque», ha detto prima di salire sul palco. In questi giorni la segretaria Pd deve fare i conti con alcune fuoriuscite dal partito, cosa che ha spiegato senza nominarli. «Il Pd è la csa di chi difende i diritti, la sanità pubblica, il lavoro e l'ambiente», come dire che chi non sente questo tipo di pulsioni forse ha sbagliato casa. Ma la parte iniziale dell'intervento è stato tutto dedicato alla sanità, scelta non casuale in una regione dove non si fa altro che elogiare il sistema sanitario regionale che però vede lunghissime liste di attesa per chi deve fare un intervento o una visita. Lo ha ribadito più volte la segretaria: «Il Pd deve stare dalla parte di quelli che non hanno i soldi per rivolgersi alla sanità privata. Il nostro sistema di salute pubblica è stato pensato proprio per evitare che questo possa accadere. Noi dobbiamo stare dalla parte di quelli che non possono permetterselo», ha detto ricevendo un applauso molto convinto. Anche di lavoro ha parlato Elly Schlein: «La nostra idea è chi è impiegato in un dato settore deve essere retribuito secondo il miglior contratto siglato dalle sigle sindacali con le aziende. Questa è secondo noi la strada da percorrere. Cresce tutto, aumentano le spese per ogni famiglia e non si può accettare che a restare fermi siano solo i salari». Ha fatto un accenno anche a come si è intervenuti a gamba tesa sul reddito di cittadinanza: «Andava sicuramente ritoccato, ripensato, modificato. Ma non è accettabile cancellarlo con sms», dice dal palco riferendosi a come è stato comunicato ai percettori, con un messaggio appunto. «Questo problema è ricaduto sui comuni che non possono certo risolvere tutte queste situazioni dal giorno alla notte». Tante le critiche al Governo Meloni che, sostiene la segretaria, prende decisioni tra una emergenza e l'altra sull'onda dell'emotività. 

Tantissimi i politici presenti, mescolati tra la folla. C'è l'assessora Francesca Benciolini, c'è la collega Margherita Colonnello e diversi consiglieri comunali, la consigliera regionale Elena Ostanel del Veneto che Vogliamo accompagnata da Marta Nalin, c'è l'ex sindaco Ivo Rossi, il consigliere provinciale Alessandro Bisato e tanti altri venuti ad ascoltare la segretaria del Partito Democratico. Sul palco con la Schlein il segretario del Pd Veneto Andrea Martella, la sindaca di Sabrina Doni e l'onorevole Alessandro Zan. Non si è potuto non notare, nel back stage della manifestazione la presenza del consigliere regionale Arturo Lorenzoni, ex vice sindaco di Padova. Dopo lo strappo con le civiche non può che portare al Pd la parabola politica del consigliere regionale. 

Elly Schlein alla festa di Coalizione Civica con Marta Nalin e Chiara Gallani

Video popolari

Elly Schlein a Padova: «Difendiamo la sanità pubblica. Pronti a tornare a vincere ovunque»

PadovaOggi è in caricamento