rotate-mobile
Salute Piove di Sacco / Via Piave

22 promesse di donazione di midollo osseo dai giovani del territorio: l'Aperidono fa centro

Successo per la seconda edizione dell'evento, con tanto di sfida lanciata: trovare 200 nuovi donatori entro la fine dell'anno

La sfida è stata lanciata: trovare 200 nuovi giovani donatori entro la fine del 2018, così da diventare "città del dono". Un obiettivo difficile, senza dubbio. Ma le premesse sono più che buone: in occasione della seconda edizione dell'Aperidono di Piove di Sacco, organizzato dall'Admo nella splendida cornice della Barchessa Polani di Arzerello, sono stati ben 22 i giovani che hanno lasciato la loro promessa di donare il midollo osseo e iscriversi così al registro dei donatori di Padova.

Sensibilizzare per fare squadra

Quella dell'Aperidono è stata un'occasione tanto per ringraziare i tanti amici che in questo anno hanno lavorato per Admo nelle scuole e nelle associazioni della zona parlando di un gesto semplice come un esame del sangue quanto un'opportunità per fare squadra per fare squadra e sensibilizzazione sulla donazione del midollo osseo. E nel corso della serata è stato premiato con una medaglietta riportante la data della donazione di midollo osseo il riconfermato sindaco di Piove di Sacco, Davide Gianella, il quale a fine 2017 (nel giorno del suo compleanno) ha donato il midollo a un solo anno dal suo ingresso nel registro dei donatori.

Le testimonianze

Prima dell'aperitivo sono state chiamate a testimoniare realtà sportive come la Pallavolo Piove, la Proceritas Sport, la Boxe Piovese (con il campione e testimonial Admo Luca Rigoni) così come il presidente del Plebiscito Padova, il quale ha promesso che inizierà a portare avanti il messaggio di Admo in tutti gli impianti natatori e con i suoi atleti. Presenti anche Avis regionale e locale nonché tutti i sindaci della Saccisica, Arzerello, Pontelongo, Polverara, Brugine e San Giorgio in Bosco, ai quali è stata 'regalata' la proposta di lavorare per creare in ognuna delle loro amministrazioni una città del dono così come successo ad Abano Terme, primo comune padovano ad aver messo assieme tutte le associazioni che si occupano del dono e di portare avanti questo messaggio a 360 gradi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

22 promesse di donazione di midollo osseo dai giovani del territorio: l'Aperidono fa centro

PadovaOggi è in caricamento