Cani e proprietari: il mondo cinofilo chiede di poter ripartire anche in Veneto

L’attività dei centri cinofili si svolge per lo più all’aperto e in un contesto ampio e sicuro, l’importante sarà organizzare le lezioni mantenendo le distanze tra educatore e proprietario

Il mondo cinofilo chiede di poter ripartire. Nei giorni scorsi il settore dei toelettatori si è unito in una tenace lotta, motivati da corrette ragioni igienico-sanitarie per i nostri cani, ottenendo di poter riaprire le loro attività a partire da lunedì 4 maggio, seguendo tutte le misure di sicurezza necessarie. Alla stessa maniera i centri cinofili hanno portato avanti le loro ragioni e quello che si è riusciti ad ottenere è che da lunedì 4 molti saranno nuovamente attivi in varie regioni. In Veneto ancora stiamo aspettando di raggiungere questo traguardo. Rimane da chiarire l’indicazione sulla nuova ordinanza del Presidente della Regione che dice “è consentita l’attività motoria collegata all’addestramento di animali all’aperto”.

Principali motivazioni

I centri cinofili hanno un ruolo molto importante per l’educazione e il benessere psico-fisico dei nostri cani, sia per i cani adulti che devono sfogare le loro energie e sia per i cani anziani che praticano dei percorsi riabilitativi e di mobilità. Per non parlare dei cuccioli che nei primi mesi di vita hanno bisogno di fare più esperienze possibili fuori dal contesto casalingo o dei cani con problematiche comportamentali che devono essere seguiti con costanza per poterli rieducare correttamente. Da lunedì 4 sono aperti nuovamente parchi e aree verdi urbane, per cui ci sarà probabilmente un maggiore afflusso di persone con i propri cani per cercare di farli sfogare. Inoltre molte persone da oggi ritorneranno a lavoro e avranno di nuovo bisogno di un luogo fidato in cui lasciare il proprio cane durante il giorno per evitare che rimanga inattivo e da solo in casa per troppo tempo. I centri cinofili saranno molto utili in quanto permetteranno di gestire anche questi aspetti in un contesto controllato, affidabile e seguendo tutte le misure di sicurezza necessarie.

Ripartire in tutta sicurezza

Da oggi si apre la seconda fase di questo periodo in cui il virus non è ancora stato sconfitto e quindi la salute deve rimanere al primissimo posto della nostra attenzione. Sarà importantissimo seguire le normative per la sicurezza e mantenere le regole base: indossare correttamente la mascherina, indossare i guanti o utilizzare spesso un prodotto igienizzante per le mani, mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro dalle altre persone ed evitare gli assembramenti. L’attività dei centri cinofili si svolge per lo più all’aperto quindi in un contesto ampio e sicuro, l’importante sarà organizzare le lezioni mantenendo la distanza di sicurezza tra educatore e proprietario, gestendo i cambi lezione senza rischi di assembramenti tra i clienti e che ognuno indossi sempre le protezioni necessarie. Questi due mesi di inattività avranno causato in molti cani delle regressioni sulla loro educazione, sul comportamento e sulla loro socializzazione. Proprio per questo sarà importantissimo ripartire prima possibile in tutta sicurezza, per poter continuare anche dopo questa seconda fase e far recuperare le buone abitudini ai nostri cani, garantirgli di nuovo un benessere psico-fisico e, di conseguenza, ottenere una serena convivenza insieme a noi proprietari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

  • Incidente a Legnaro, investito un pedone sulle strisce: portato in ospedale con codice rosso

  • Coronavirus, Zaia: «Entro lunedì una nuova ordinanza con restrizioni leggere anti-assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento