«Sciopero generale per le aziende metalmeccaniche del Padovano»: l'annuncio dei sindacati

«Fim, Fiom e Uilm di Padova dichiarano lo sciopero generale per le giornate di martedì 24 e mercoledì 25 delle aziende metalmeccaniche in tutto il territorio provinciale fino al cambio del decreto o alla sospensione delle attività produttive»

«Il Dpcm e l’elenco delle aziende firmato domenica 22 marzo dal Presidente del Consiglio e dal Ministro della Salute non tengono conto, se non in modo molto parziale, delle istanze e delle necessità che le organizzazioni sindacali hanno posto all'attenzione dell'Esecutivo, prevedendo una serie molto consistente di attività industriali e commerciali aggiuntive rispetto allo schema iniziale presentato dal Governo, per gran parte delle quali non sussiste la caratteristica di attività indispensabile o essenziale»: inizia così la nota dei sindacati che annunciano lo sciopero generale per le aziende metalmeccaniche della provincia di Padova.

Sciopero generale

Prosegue così il comunicato: «Cgil Cisl e Uil, in questa fase difficile del Paese, hanno rappresentato sempre la necessità di mettere al primo posto, rispetto a qualunque altra valutazione, la salute e la sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici: per queste ragioni è stato sottoscritto il Protocollo condiviso del 14 marzo scorso e sempre per le stesse ragioni hanno continuato a sollecitare il Governo a sospendere tutte le attività non essenziali rispondendo così alla necessità di contenimento del contagio. Ecco perché si ritiene inadeguato rispetto a questo obiettivo il contenuto del decreto e inaccettabile il metodo a cui si è giunti alla sua definizione. Per queste ragioni e per la tutela dei lavoratori Fim, Fiom e Uilm di Padova dichiarano lo sciopero generale per le giornate di martedì 24 e mercoledì 25 delle aziende metalmeccaniche in tutto il territorio provinciale fino al cambio del decreto o alla sospensione delle attività produttive. Ovviamente sono escluse dalla presente dichiarazione di sciopero quelle aziende che hanno già attivato la Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria o che hanno stipulato accordi con la Rappresentanza Sindacale Unitaria per la sospensione dell’attività e tutte quelle aziende legate direttamente alla sanità pubblica, ai servizi o alle forniture sanitarie».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le aziende

La nota contiene anche alcuni dati utili e l'elenco delle aziende coinvolte: «Alla giornata di venerdì 20 marzo avevano aderito alla Cigo 177 aziende metalmeccaniche (industria e piccola industria) della provincia di Padova per un totale di 6726 dipendenti. Alle 16 di lunedì 23 marzo 2020 il dato è salito a 10055 lavoratori in 259 aziende metalmeccaniche. Le aziende metalmeccaniche della provincia di Padova che hanno già sospeso con accordo sindacale nei giorni scorsi sono Minigeras, Acciaierie Venete, Toffac, Carraro Drivetech, Fonderie Zen e VDC, Alluminium Drivecasting, Hidros, Dab, Arneg, Zilmet, Elbi, Varem, Elvox (Vimar), Parpas, Mp3, Camin, Mulmix, Ctr, , Krelamp, Maus, Olsar, Unicka, Camin, Tubes, Wlf, Fast, Epta, Hipe, Hiref, Ecat, Lincoln Electric, Valvitalia, Brembana Rolle, Iamet, Lofra, Mta, Schneider, Gn Hearing, Kolmag, Criocabin, Bedeschi, Bimecc, App Tech, Techmo car, Saet, Megius, STE Energy, Argenterie Greggio, Lvr, Omtt. La Varisco Pompe e la Ferrau saranno ferme da mercoledì 25 marzo. Le aziende informatiche sono tutte in smart working, i call center Comdata e Telerete sono aperti viste le disposizioni del DCPM del 22 marzo. La Parker e la Gn Hearing hanno sospeso le attività, anche se farebbero parte delle aziende essenziali, perché per loro non sussistono le premesse per poter produrre. Le aziende che oggi hanno scioperato 8 ore e che devono definire entro mercoledì le modalità di sospensione delle attività sono la Carel, la Antonio Carraro, la Maschio Gaspardo e la Arcelor Mittal (che ha attivato la cassa integrazione ordinaria dopo lo sciopero di oggi). Alla Carel i lavoratori vogliono assolutamente arrivare alla sospensione delle attività, infatti, in appoggio agli operai ancora in azienda, oggi hanno scioperato anche gli impiegati in smart working, proprio per sottolineare l’importanza di arrivare alla tutela di tutti, visto soprattutto il numero di contagi che si sono registrati in Carel».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento