menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo 10 mesi di intensa formazione: 393 pompieri giurano fedeltà alla Repubblica

La cerimonia si è svolta per la seconda volta, come nello scorso mese di luglio, nel rispetto delle misure per il contrasto al Covid-19, con i diversi gruppi di allievi dislocati in tutta Italia e collegati in streaming con le scuole centrali antincendio

Martedì 3 novembre, dopo dieci mesi di intensa formazione (di cui tre a distanza per l’emergenza connessa al Coronavirus), 393 allievi vigili del fuoco dell’88° corso hanno giurato fedeltà alla Repubblica Italiana.

Giuramento

La cerimonia si è svolta per la seconda volta, come nello scorso mese di luglio, nel rispetto delle misure per il contrasto al Covid-19, con i diversi gruppi di allievi dislocati in tutta Italia e collegati in streaming con le scuole centrali antincendio, dove ha presenziato la cerimonia il Capo del Corpo Fabio Dattilo, il quale ha dichiarato: «In un momento di forte incertezza noi vigili del fuoco esprimiamo valori su cui la gente sa sempre di poter contare». Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ha assistito alla cerimonia in collegamento video dal Viminale, prendendo la parola ha dato il benvenuto alle allieve e gli allievi, ricordando che da oggi sono parte integrante di uno dei Corpi fondamentali dello Stato. Al polo didattico di Treviso hanno prestato la loro promessa 28 allievi del Veneto e Friuli Venezia Giulia, alla presenza del prefetto della città della marca Maria Rosaria Laganà del direttore interregionale Loris Munaro, di una rappresentanza dei comandanti dei vigili del fuoco delle due regioni delle autorità civili e militari. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento