menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore Saia e il cortile di palazzo Moroni

L'assessore Saia e il cortile di palazzo Moroni

L'assessore "sceriffo" fa arrestare un ladro di biclette in municipio

Maurizio Saia, delegato alla Sicurezza nella giunta del comune di Padova, ha sorpreso un nordafricano mentre stava rubando una due ruote, parcheggiata nel cortile di palazzo Moroni. Sul posto i vigili

Preso con le "mani nel sacco", mentre, nel primo pomeriggio di lunedì, stava rubando una bicicletta nel cortile del municipio. Il ladro è stato sorpreso in flagranza nientemeno che dall'assessore alla Sicurezza di Padova, Maurizio Saia.

FURTO SVENTATO. Col suo occhio "clinico", il politico "sceriffo" locale ha prontamente compreso che si stava consumando un furto e, fermato il malintenzionato, un nordafricano, ha chiesto l'intervento della polizia locale che ha provveduto al suo fotosegnalamento e denuncia. Identificato in S. M., 44enne tunisino, senza fissa dimora, è stato deferito a piede libero per tentato furto. Potrebbe essere affetto da Tbc, secondo quando rivelerebbero alcuni certificati medici di cui era in possesso.

SAIA. A raccontare l'episodio è lo stesso assessore: "Attorno alle 13 ho notato un personaggio dal fare evidentemente sospetto, che armeggiava vicino alle rastrelliere dove dipendenti e visitatori parcheggiano le biciclette. Mi sono avvicinato e non ho potuto fare a meno di notare che, con l'ausilio di una spranga di ferro, stava cercando di forzare un lucchetto. Quindi l'ho immediatamente raggiunto e, con il supporto degli agenti di polizia locale di stanza a palazzo, l'ho bloccato, mettendolo nella condizione di non nuocere. I cittadini sappiano che chi delinque viene prontamente fermato, denunciato e subito scarcerato per colpa di leggi assurde e di operazioni pacchiane, come Mare Nostrum, sostenuta dal ministro banderuola Angelino Alfano. Se il Movimento 5 Stelle e la stravagante maggioranza che sostiene Renzi non avessero votato la depenalizzazione del reato di clandestinità, S.M. ora sarebbe in un centro di identificazione ed espulsione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento