Cronaca Ponte San Nicolò / A13

Pullman carico di carabinieri in congedo si schianta: il ricordo delle cinque vittime

Le autorità civili e militari martedì hanno reso omaggio ai cinque militari deceduti nel 2012 in un gravissimo incidente stradale avvenuto lungo la A13 nel comune di Ponte San Nicolò

Otto anni sono passati dalla tragedia che la mattina del 5 maggio 2012 ha colpito l'Arma. Cinque carabinieri in congedo erano morti nell'incidente occorso al pullman partito da Aprilia che li stava portando al raduno nazionale in programma a Jesolo.

La commemorazione

Martedì mattina, nell'ottavo anniversario, il sindaco di Ponte San Nicolò, Martino Schiavon, il comandante della stazione dei carabinieri luogotenente Marco Corazza e il comandante della polizia locale Antonio Barbieri hanno reso omaggio alle vittime deponendo un omaggio floreale sul cippo che sorge sul luogo del fatale incidente. La cerimonia, viste le vigenti normative anti contagio, si è svolta in forma strettamente privata ma le autorità civili e militari non hanno voluto far mancare il loro ricordo.

L'incidente e le vittime

Quella mattina, attorno alle 8, il pullman noleggiato ad Aprilia con a bordo ventidue carabinieri in congedo e l'autista percorreva il tratto dell'autostrada A13 in direzione del raccordo con la A4 alla volta di Jesolo. Nel comune di Ponte San Nicolò, all'altezza del cavalcavia della statale 516, il veicolo era uscito di strada finendo nella scarpata adiacente, a ridosso della vicina via Roma. Fu una tragedia. Cinque degli ex militari persero la vita: il 57enne presidente dell’Anc di Aprilia Roberto Airoli, la coetanea Maria Ivana Aronica, Settimio Iaconianni di 75 anni, Maria Domenica Colella di 64 e il 42enne Gianfranco Gruosso. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pullman carico di carabinieri in congedo si schianta: il ricordo delle cinque vittime

PadovaOggi è in caricamento