Cerca di sfuggire al posto di blocco: era ubriaco con un tasso 3 volte oltre il limite

Durante i controlli voluti dalla Polizia Locale della Federazione del Camposampierese è stato fermato un professionista veneziano di 41 anni che è stato denunciato

La Polizia Locale della Federazione, nell’ambito del progetto “Federazione Sicura, miglioriamo la sicurezza sulle strade del territorio" che prevede un potenziamento della vigilanza per la sicurezza stradale in orari serali/notturni, ha organizzato venerdì un posto di controllo notturno a Piombino Dese, impegnando nel servizio ben quattro pattuglie. Questi servizi, ideati e predisposti dal comandante Antonio Paolocci, sono finalizzati in particolare alla prevenzione e alla repressione delle violazioni per la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti e in tema di autotrasporto sulle strade urbane e extraurbane principali.

Etilometro

L'accertamento del superamento del tasso alcolemico avviene attraverso un esame strumentale svolto con un apposito apparecchio, l’etilometro, nel quale il soggetto sottoposto ad accertamento è tenuto a espirare e che è in grado di misurare la quantità di alcol presente nel sangue attraverso la misurazione della quantità di alcol presente nell'aria. L'accertamento mediante etilometro viene ripetuto due volte, a distanza di almeno cinque minuti l'una dall'altra. Poco dopo l'1 un veicolo che si stava avvicinando al posto di controllo, notando i veicoli di servizio con i dispositivi a luce blu attivati, effettuava improvvisamente una inversione ad U e cercava velocemente di allontanarsi. La manovra non è sfuggita ad una delle autopattuglie impegnate, che subito si è messa all’inseguimento del fuggitivo, bloccandolo dopo poco meno di un chilometro. Il conducente, in compagnia di una collega di lavoro, si giustificava in un primo momento con gli agenti dicendo aver fatto inversione di marcia perché si era accorto di avere sbagliato strada per accompagnare a casa l’amica. I due stavano rientrando a casa dopo una cena passata in compagnia con altri colleghi di lavoro. L’uomo alla guida è stato quindi riportato dall’autopattuglia presso il vicino posto di controllo, dove è stato sottoposto ad un controllo con l’etilometro in dotazione. La rilevazione dello strumento ha così accertato un tasso alcolemico di 1,43 g/l, quasi tre volte il limite massimo consentito di 0,5 g/l per mettersi alla guida.

Denuncia

Gli agenti hanno quindi denunciato il conducente T.R., un 41enne residente nel veneziano, per guida in stato di ebbrezza. In caso di guida con tasso alcolemico compreso tra 0,8 e 1,5 g/l, la sanzione è penale e consiste nell'ammenda da euro 800 a euro 3.200, nell'arresto fino a sei mesi e nella sospensione della patente da sei mesi a un anno. In ogni caso, salvo che non si sia provocato un sinistro stradale, l'arresto può essere sempre sostituito dai lavori socialmente utili, che possono far estinguere il reato, revocare eventualmente la confisca del mezzo e dimezzare il periodo di sospensione della patente se svolti positivamente. Se il tasso alcolico avesse superato il limite di 1,5 g/l, sarebbe scattata anche la misura della confisca del veicolo.

Giovani che bivaccano

Nella stessa serata, verso le 22, gli agenti sono intervenuti anche a Camposampiero, nei giardini pubblici di via Cordenons. Quest’area verde attrezzata ultimamente è diventata punto di ritrovo per alcuni giovani stranieri che bivaccano fino a tarda ora, spesso con l’abuso di sostanze alcoliche, provocando non pochi problemi al vicinato per gli schiamazzi e gli episodi di degrado. L’area è da tempo monitorata sia dalla Polizia locale, che qui aveva già denunciato il mese scorso tre stranieri trovati sprovvisti del permesso di soggiorno e quindi clandestini, che dai carabinieri. Venerdì sono stati identificati quattro giovani, tutti stranieri, trovati con birre e bottiglie di vino. I quattro, già conosciuti e più volte diffidati a frequentare l’area, sono stati così sanzionati per la violazione di una ordinanza del sindaco di Camposampiero che vieta il consumo di bevande alcoliche e superalcoliche nelle aree verdi e nei parchi pubblici del comune. Tra pochi giorni anche il comune di Camposampiero approverà il nuovo regolamento di Polizia Urbana, dove le sanzioni per questo genere di illeciti sono notevolmente aumentate e dove è previsto per questi casi anche il così detto “Daspo urbano”.

Soddisfazione

Il Comandante Antonio Paolocci ha espresso così la propria soddisfazione per gli ottimi risultati che il progetto sta ottenendo: «Nelle pattuglie serali e notturne che abbiamo organizzato soprattutto nei fine settimana dei mesi estivi, abbiamo ottenuto ottimi risultati sia dal controllo dei mezzi pesanti, con decine di violazione accertate, sia dall’attivazione dei box per il controllo delle velocità e sia dai controlli effettuati con l’utilizzo dell’etilometro. In questo ultimo caso, abbiamo riscontrato come la maggioranza dei conducenti sottoposti ai test siano risultati negativi, segno che vi è la consapevolezza dell’importanza di non bere quando ci si mette alla guida. Non sono mancati però casi isolati trovati a guidare con valori molto alti. In un caso causando anche un incidente, per fortuna non dalle conseguenze gravi. Voglio anche sottolineare come questo genere di accertamenti, sia sull’autotrasporto che sullo stato di ebbrezza, rientrino in un’ottica legata esclusivamente alla sicurezza stradale in quanto le relative sanzioni non sono destinate ai comuni, come ci accusano spesso “per fare cassa”, ma sono totalmente incamerate dallo stato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento