menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti online: ripulito il conto dell'Ordine degli avvocati di Padova

Furto informatico alla Cassa di risparmio del Veneto-Intesa. Vittime gli avvocati del padovano derubati di centinaia di migliaia di euro dal loro conto online. Secondo gli inquirenti si tratta del lavoro di un hacker

Ci sarebbe la mano di un hacker dietro al furto di centinaia di migliaia di euro ai danni dell’Ordine degli avvocati padovani.

IL FURTO. Il furto sarebbe avvenuto nei giorni scorsi: dal conto online degli avvocati sarebbero partiti 3 bonifici per un totale di 400mila euro. Destinatario: il conto corrente di un mister X della Polonia. Altri 90mila euro sono stati già bloccati.

RECUPERARE IL DENARO. Giovedì è stato presentato un esposto dall’avvocato Michele Godina a nome del Consiglio dell’Ordine ed è stata avviata un'indagine contro ignoti. La banca, invece, effettuerà l'operazione chiamata "re-call" un processo attraverso il quale l'istituto di credito intercetta e blocca il denaro circolante.

LE INDAGINI. Poiché i codici e le password per operare sono in mano solo al tesoriere dell’Ordine, l’avvocato Carla Secchieri, che cambiano per altro molto frequentemente, e poiché nessuna operazione va in porto senza l’ok del Consiglio, gli inquirenti sembrerebbero orientati sulla ricerca di un hacker che è riuscito ad intrufolarsi nel conto corrente online e a prosciugarlo. Se verrà preso, siamo certi: è meglio che si cerchi un avvocato lontano dalla città patavina.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento