menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Imprese alluvionate, l'Unione Europea acconsente agli aiuti

Sono 60 i milioni di euro accordati dalla Commissione europea per gli aiuti alle aziende colpite dall'alluvione di novembre. I fondi rientrano nei 300 milioni già assegnati dal Governo per il superamento dell'emergenza

Eccezion fatta per le aziende del comparto agricolo che hanno già avuto il via libera per 15 milioni di fondi, le altre imprese venete colpite dalla devastante alluvione dello scorso novembre potranno ricevere, dopo il nulla osta giunto dalla Commissione Europea, i contributi previsti dall’ordinanza della presidenza del Consiglio dei ministri fino a 60 milioni di euro complessivi. I fondi rientrano nei 300 milioni già assegnati dal Governo italiano per il superamento dell'emergenza.

La Commissione europea ha quindi deciso di considerare il regime di aiuti compatibile con il “Trattato sul funzionamento dell’Unione europea” e il vicepresidente, Joaquin Almunia, ha firmato a Bruxelles il decreto per l'avvio formale delle procedure che consentiranno alle aziende di ottenere gli indennizzi a copertura dei danni subiti lo scorso autunno.
 
“Confidavamo molto nell’aiuto dell’Europa per favorire il rilancio del sistema economico nelle aree alluvionate – è il commento del presidente della Regione e commissario per il superamento dell’emergenza alluvione, Luca Zaia – per dare una mano a quella diffusa e produttiva rete di piccole e medie aziende che, è doveroso sottolinearlo, aveva dimostrato da subito una straordinaria forza e capacità di reazione ad un evento calamitoso che avrebbe potuto causarne la scomparsa. I nostri imprenditori non si sono arresi e il riconoscimento della Commissione europea premia il loro coraggio, ma anche l’azione della Regione che ha saputo interloquire con avvedutezza e tempestività con le istituzioni nazionali e sovranazionali”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento