menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Monsignor Fabio Dal Cin

Monsignor Fabio Dal Cin

Monsignor Fabio Dal Cin è il nuovo delegato pontificio della Basilica di Sant'Antonio

La nomina arriva dopo l'accettazione della rinuncia all'incarico presentata da monsignor Giovanni Tonucci. "A lui rivolgo il benvenuto e gli auguri più sentiti miei personali e della Chiesa che è in Padova", ha dichiarato il vescovo Claudio Cipolla

Papa Francesco ha nominato arcivescovo prelato di Loreto e delegato pontificio per il santuario lauretano, nonché delegato pontificio per la Basilica di Sant’Antonio in Padova, monsignor Fabio Dal Cin, della diocesi di Vittorio Veneto (Treviso), finora officiale della Congregazione per i vescovi. Nomina arrivata dopo l'accettazione della rinuncia all'incarico presentata da monsignor Giovanni Tonucci.

CHI È. Monsignor Dal Cin è nato a Vittorio Veneto (Treviso) il 23 gennaio 1965. Dopo aver frequentato i Seminari minore e maggiore diocesani, il 7 dicembre 1990 è stato ordinato sacerdote per la diocesi di Vittorio Veneto. Nel 1990 è stato nominato vicario parrocchiale del duomo di Motta di Livenza. Nel 1988 è stato chiamato a svolgere l’incarico di animatore della comunità giovanile del Seminario minore diocesano e di vice-direttore del Centro diocesano vocazioni. Ha frequentato i corsi di specializzazione presso l’Istituto di “liturgia pastorale” di Santa Giustina in Padova, dove ha conseguito la licenza in “Sacra teologia con specializzazione liturgico-pastorale”.

CAPPELLANO DI SUA SANTITÀ. Nel 2000 è stato nominato delegato vescovile per la pastorale vocazionale e direttore del Centro diocesano vocazioni e nel 2001 professore di liturgia nello Studio teologico interdiocesano Treviso-Vittorio Veneto. Nel 2003 ha ricevuto l’incarico di animatore del Seminario maggiore e di cerimoniere vescovile. Nel 2004 è stato nominato membro della Commissione per la formazione e il ministero dei diaconi permanenti. Dal marzo 2007 è officiale della Congregazione per i vescovi. Nel 2011 ha conseguito il dottorato in teologia presso il Pontificio Ateneo Sant’Anselmo di Roma. Dal 2012 è cappellano di Sua Santità. Ha prestato assistenza spirituale presso il Santuario della Madonna della Quercia in Roma.

VESCOVO DI PADOVA. "Accolgo con gioia, riconoscenza al Signore e gratitudine al Santo Padre la nomina, ad Arcivescovo Prelato di Loreto e Delegato Pontificio per il Santuario Lauretano e per la Basilica di Sant’Antonio in Padova, di monsignor Fabio Dal Cin, a cui rivolgo il benvenuto e gli auguri più sentiti miei personali e della Chiesa che è in Padova, per questo nuovo e impegnativo servizio a cui papa Francesco l’ha chiamato", questo l'augurio del vescovo di Padova al nuovo delegato pontificio

TONUCCI. "La Basilica di Sant’Antonio - continua - è, infatti, una presenza significativa di fede, di spiritualità, di carità e di cultura nella città di Padova; un polo di attrazione religiosa per tanti, da tutto il mondo, che sentono la vicinanza e l’umanità verace del “santo dei miracoli”; un riferimento per i padovani. Ringrazio monsignor Giovanni Tonucci per il servizio prestato in questi anni e per la cordialità di relazione e di condivisione che c’è sempre stata nel reciproco impegno a favorire una vita spirituale autentica, intensa ed evangelicamente fondata".

ZAIA. “Saluto nella nomina di monsignor Fabio Dal Cin a delegato pontificio della basilica del Santo di Padova il ritorno di un veneto alla massima guida di uno dei luoghi simbolo della religiosità e della mondialità della nostra regione. Gli rivolgo sin d’ora il mio più caloroso e grato benvenuto e quello della Regione che rappresento”. Così il governatore del Veneto ha accolto la notizia della nomina di monsignor Fabio Dal Cin, a massimo rappresentante della Santa Sede nell’amministrazione del complesso antoniano di Padova, nonché a delegato pontificio per il santuario di Loreto.

LUOGHI SIMBOLO. "La Basilica di Sant’Antonio di Padova – aggiunge il presidente del Veneto – è uno dei luoghi simbolo della cristianità, amato e frequentato da devoti di tutto il mondo, ma è anche uno dei patrimoni religiosi, artistici e culturali più cari al cuore dei veneti e delle loro istituzioni. Sono certo che monsignor Dal Cin, al quale mi uniscono comuni legami di appartenenza territoriale e generazionale, saprà alimentare, insieme a padre Oliviero Svanera, rettore da pochi mesi della basilica, il forte e sincero sentimento di rispetto e attaccamento dell’intera comunità civile verso il luogo antoniano per eccellenza, punto di riferimento per la fede dei credenti e faro indiscusso della coscienza civile e sociale della comunità veneta, anche ben oltre i suoi confini geografici”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento