La tragedia di Martino, morto a 2 mesi cadendo dalle braccia del papà

Avrebbe compiuto due mesi proprio oggi, invece un incidente assurdo e tremendo lo ha tolto all'affetto della sua famiglia. Una tragica fatalità che lascia ammutoliti

Prima la tragedia nel trevigiano, poi la corsa in elicottero a Padova nel disperato tentativo di salvarlo. Alla fine la resa: Martino è morto all'ospedale civile del capoluogo euganeo, la cui procura ha preso in carico le indagini.

Il dramma

É finita in un reparto della clinica universitaria di Padova la breve vita di Martino, morto tre giorni prima di compiere due mesi. Era nato il 13 settembre, in perfetta salute. A rendere ancor più grande l'orrore della tragedia sono le circostanze della sua scomparsa: il piccolo è deceduto in seguito a una caduta accidentale dalle braccia del padre.

La dinamica

L'incidente risale a sabato scorso. Siamo in provincia di Treviso, nell'abitazione di famiglia a Paderno di Ponzano Veneto. É una giornata come tante, i genitori del neonato sono in casa con lui, manca all'appello solo il primogenito di due anni, fuori con alcuni parenti. Tutto è successo in pochi secondi: Diego Scatena, padre di Martino, stava scendendo le scale che portano al piano terra con il figlioletto in braccio. Arrivato quasi in fondo, gli si è sfilata una ciabatta che lo ha fatto inciampare e cadere in avanti. Impossibile restare in piedi: l'uomo è finito sul pavimento e il bambino ha battuto la testa contro lo stipite della porta.

Il ricovero

I genitori hanno immediatamente chiamato i soccorsi, arrivati davanti alla villetta pochi minuti dopo. Il neonato non rispondeva agli stimoli ed è stato trasportato in massima urgenza al Ca' Foncello di Treviso dove i medici hanno tentato il tutto per tutto per salvarlo. Le sue condizioni sono parse subito drammatiche, ma si è comunque deciso di far alzare l'elisoccorso per portarlo a Padova. Qui, nonostante gli sforzi del personale medico, Martino è spirato sabato sera. Una tragica fatalità che ha sconvolto per sempre mamma Sara e il papà Diego, funzionario della guardia di finanza originario dell'Umbria, che porterà con sé il dramma di una colpa non sua. Attorno a loro si è stretta tutta la comunità, nel tentativo di lenire un dolore davanti al quale ogni parola è superflua.

Le indagini

Dopo la morte del piccolo la procura di Padova ha aperto d'ufficio le indagini sul caso. Nonostante sia stato accertato che si sia trattato di un incidente domestico, viste le circostanze del decesso sarà richiesta l'autopsia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento