menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Traffico illecito di rifiuti, arrestati i titolari di un'azienda di Sant'Angelo

I due proprietari, padre e figlio, accusati di smaltimento illegale. Secondo l'accusa taroccavano il peso del materiale. Ditta sotto sequestro dalla Dda. 14 perquisizioni anche a Venezia, Ferrara, Bologna e Modena

Due persone sono state arrestate nell'ambito di un'operazione che ha portato alla scoperta di un ingente traffico illecito di rifiuti. L'attività investigativa a cura del corpo forestale dello Stato è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della repubblica di Venezia. L'operazione, denominata Falsimonia (dal latino inganno), ha preso il via a febbraio del 2013. Dopo una prima fase di indagine, la forestale ha delineato il modus operandi di una ditta di gestione rifiuti con sede legale nel Padovano e con sede operativa a Fossò e Sant'Angelo di Piove di Sacco (gli impianti sono sotto sequestro), formalizzando le prime ipotesi di reato a carico dei due amministratori, padre e figlio, residenti a Campolongo Maggiore, nel Veneziano. Giovedì l'epilogo dell'indagine con 14 perquisizioni nelle province di Venezia, Padova, Ferrara, Bologna e Modena.

SMALTIMENTO IRREGOLARE. Nella seconda fase, le investigazioni hanno consentito di delineare un quadro probatorio a carico dei due che in via continuativa smaltivano irregolarmente rifiuti. Secondo la forestale, i due aumentavano fittiziamente il peso dei rifiuti provenienti dai produttori iniziali, ne simulavano le attività di recupero al fine di variare la codifica dei rifiuti (Cer-Codice Europeo dei Rifiuti) per poi poterli avviare in impianti di smaltimento che altrimenti non avrebbero potuto riceverli.

INTROITI ILLECITI. In base a quanto emerso dalle indagini, le strategie messe in atto dalla società avrebbero consentito di ottenere illeciti introiti beneficiando di un cospicuo risparmio sui costi della manodopera derivante dal mancato trattamento sui rifiuti, dal risparmio ottenuto non investendo in moderne tecnologie, dalla sovrafatturazione e dall'evasione dell'ecotassa istituita con la finalità di favorire la minor produzione di rifiuti e il recupero degli stessi. In tal modo, ingenti quantità di rifiuti sarebbero state destinate a smaltimento senza aver subito alcun trattamento, così da compromettere le misure stabilite dalla normativa ambientale, contribuendo a ridurre gli sprechi di risorse naturali favorendo la sostituzione delle stesse con materiali e sostanze derivate dai rifiuti. Le ipotizzate attività illecite sarebbero state perfezionate apponendo false indicazioni sulla documentazione dovuta per legge, quali i registri di carico e scarico ed i formulari di identificazione rifiuti, previsti dalla legge, al fine di dare una parvenza di legalità alle operazioni delittuose intraprese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento