menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perseguita la sua ex per sette anni, tra lettere minatorie e danneggiamenti: lo stalker è un 70enne

La donna si è decisa a denunciare l'uomo dopo una lunga serie di episodi

Tanto attempato quanto determinato: la polizia di Padova nel pomeriggio di venerdì ha notificato ad uno stalker settantenne un’ordinanza cautelare che gli vieta di avvicinare la vittima delle sue condotte persecutorie.

Lo stalker

Il provvedimento scaturisce da un’attività d’indagine condotta dalla Squadra Mobile di Padova e coordinata dal P.M. Daniela Randolo, che ha accertato una pericolosa attività vessatoria dell’indagato. Dalla fine del 2010, ovvero dal momento in cui la donna si era decisa ad interrompere il rapporto affettivo durato circa un anno e mezzo, l’uomo aveva iniziato a molestarla in maniera ossessiva. Ininterrottamente, dal 2010 fino allo scorso mese di novembre, il settantenne, che inizialmente si era “limitato” ad assillare la vittima con continue telefonate (tanto da indurla a cambiare utenza telefonica), aveva successivamente preso a scriverle numerosissime lettere dai toni offensivi e minacciosi che imbucava direttamente nella cassetta della posta della vittima. Aveva inoltre aggravato lo stato di ansia e paura della donna con molteplici e gravi episodi di danneggiamento diretti principalmente sulle autovetture della vittima e di alcuni suoi conoscenti e parenti. Proprio l’ultimo episodio di danneggiamento di veicoli parcheggiati in prossimità dell’abitazione della donna  ha indotto la stessa a denunciare la difficile quanto pericolosa situazione, che subiva da anni.

L'ultimo danneggiamento

Nella circostanza, nottetempo il figlio della vittima aveva udito un rumore sospetto provenire dall’esterno dell’abitazione ed avendo egli stesso già subito il danneggiamento della propria autovettura si era diretto subito in strada, notando l’autovettura dello stalker allontanarsi. Ha dunque deciso di seguire l’auto che aveva visto allontanarsi fin nei pressi della casa dell’indagato, che, a sua volta, decideva di avvertiva le forze dell’ordine dicendo “di essere seguito da un soggetto con intenzioni minacciose”. I poliziotti, giunti sul posto, hanno però constatato una situazione reale molto diversa da quella che era stata descritta nella richiesta d’intervento: il settantenne quella notte aveva difatti danneggiato due auto appartenenti a parenti della donna, evidentemente divenuta la sua ossessione. La conseguente attività della squadra mobile ha consentito all’autorità giudiziaria di acquisire tutti gli elementi necessari per emettere l’ordinanza cautelare che vieta all’indagato di avvicinare la vittima, ordinagli di astenersi da ogni tipo di comunicazione con la stessa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Come fare una manicure semipermanente in casa senza l’uso della lampada

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento