menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonus con moneta elettronica, Bertin: «Non si criminalizzi l’uso del contante»

«Indispensabile, a proposito di utilizzo della moneta elettronica, un deciso intervento sulle commissioni per l’utilizzo e per l’accettazione delle carte il cui uso, in molti casi, è frenato proprio dai costi»

«Bene sostenere i consumi con il bonus, purché si semplifichi l’applicazione il più possibile e che, per certi versi, per favorire l’uso della moneta elettronica non si criminalizzi l’uso del contante». Parte da questa considerazione generale il commento di Patrizio Bertin, presidente dell’Ascom Confcommercio di Padova, sull’ipotesi di un bonus che, in primis, dovrebbe interessare bar e ristoranti, ma che potrebbe estendersi anche ad altri settori come, ad esempio, elettrodomestici ed abbigliamento, ovvero i settori che più di altri stanno soffrendo anche dopo il lockdown.

Bonus

Prosegue Bertin: «C’è un dato che deve farci riflettere, ed è quello che vede nel primo semestre del 2020 il volume delle vendite inferiore di quasi dieci punti percentuali rispetto al primo semestre del 2019 con punte quasi doppie per l’area non alimentare». L’imperativo è però fare presto e fare bene. «Il che significa - conclude Bertin - che noi riteniamo indispensabile proseguire sulla strada dell'erogazione di indennizzi a fondo perduto basati sulla differenza di fatturato rispetto all'anno 2019, anche per i mesi di maggio e giugno e, a proposito di utilizzo della moneta elettronica, con un deciso intervento sui costi e sulle commissioni per l’utilizzo e per l’accettazione delle carte il cui uso, in molti casi, è frenato proprio dai costi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento