menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centro commerciale al Catajo, Cetera: "Polemiche di Ascom smentite dai numeri"

L'amministratore delegato di Deda Immobiliare interviene sulla questione del centro commerciale di Due Carrare e sulle ultime iniziative del presidente Patrizio Bertin

“Anziché rincorrere il ministro Franceschini sul Catajo, Patrizio Bertin farebbe meglio a riflettere sull’inefficacia delle politiche di Ascom di questi anni. L’improvvisa passione per il castello è quanto meno strumentale, ma Bertin può stare tranquillo. Il nostro progetto è al 100%fuori dal cono di visuale del Catajo, a più di 900 metri dallo stesso e dal Parco Colli, e non offenderà il senso estetico di nessuno, anzi”. 

CENTRO COMMERCIALE.

È il commento espresso da Rodolfo Cetera, amministratore delegato di Deda, la società padovana di sviluppo immobiliare promotrice dell’investimento nel comune di Due Carrare, sulle ultime iniziative del presidente di Ascom Padova. "Bertin parla di un manufatto in costruzione ‘in faccia’ a un bene monumentale - spiega Cetera - ma ha sbagliato il caso: è un‘altra - e la conosciamo tutti - la situazione ‘in faccia’ ad un bene vincolato sulla quale, volendo, potrebbe spendersi come tutore artistico e culturale. Il nostro Life style center, di cui tanto discute l'Ascom, è in un altro comune rispetto al Catajo e l'unico manufatto preesistente che ha nelle vicinanze è il casello autostradale di Terme Euganee, che non ci risulta essere vincolato".

DISCUSSIONE SUI NUMERI.

Quanto ai numeri Cetera taglia corto: "Patrizio Bertin parla della chiusura di centinaia di negozi, che manco esistono nel raggio del comune di Due Carrare e dei comuni limitrofi. Agita un fantasma per non prendere atto di quanto è successo a Mestre e Venezia: vada in comune a Venezia Bertin a chiedere quante sono le nuove aperture dei negozi di vicinato nel comune veneziano. Scoprirà che le nefaste previsioni dei suoi colleghi di categoria all'indomani dall'apertura de la "Nave de vero" sono state smentite dalla realtà: da inizio anno sono infatti ben 338, segno che come sempre avviene nel resto d'Europa, anche in Veneto attrarre persone in zona per motivi di shopping, porta benefici a tutto il tessuto commerciale circostante essere da anni e che le politiche di Ascom per combatterla si sono rivelate quantomeno inefficaci. Con il suo atteggiamento pregiudizialmente contrario - conclude Cetera – Bertin non sta facendo un favore né ai suoi associati, né al territorio: l’interesse della collettività è di sostenere questo progetto che porta in un’area oggi marginaleinvestimenti, opportunità e nuovi posti di lavoro”.

ASCOM E IL MINISTRO.

Lunedì Patrizio Bertin a margine dell’arrivo in città del ministro Franceschini per inaugurare la nuova illuminazione della Cappella degli Scrovegni era intervenuto sulla questione: “A Franceschini ho esposto i termini della vicenda che, per quanto ci riguarda, come abbiamo detto a più riprese, non è solo una questione di economia (centinaia di negozi in un raggio di decine di chilometri costretti a chiudere), ma anche ambientale (cementificazione del territorio) e culturale. La costruzione di un manufatto di tali proporzioni giusto in faccia al Castello del Catajo è una scelta che non può essere lasciata nella disponibilità dell’amministrazione di Due Carrare, ma che merita il coinvolgimento di qualsiasi altro ente o istituzione che abbia a cuore l’eredità della nostra cultura. In ogni caso la nostra battaglia continua a tutti i livelli ed il rallentamento al quale stiamo assistendo a livello di iniziative da parte del comune carrarese, ci induce a ben sperare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento