menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'onorevole Palazzotto visita a sorpresa gli hub: "Cona e Bagnoli chiudono? In corso solo un cambio gestione"

Con non poche difficoltà il parlamentare, pur avendone il diritto, è riuscito a entrare nell'hub. "Le condizioni sono sempre le stesse, non c'è in vista nessuna chiusura"

Visita a sorpresa del deputato parlamentare, Erasmo Palazzotto, nell’hub di Cona, nel primo pomeriggio di venerdì 7 settembre. Il parlamentare di Liberi e Uguali è venuto a sincerarsi delle reali condizioni di chi vive ancora nel centro, sempre tantissimi, come si è potuto constatare. L'inchiesta sulla cooperativa che ha avuto l'appalto per gestire gli hub, Edeco/Ecofficina, non sembra aver toccato in alcun modo la vita delle centinaia di persone che sono ancora qui. La visita del parlamentare non è annunciata e come è sempre stato, qui fanno di tutto per impedire a chiunque di metterci il naso, anche se questo ha tutti i diritti di poter accedere. Un parlamentare della Repubblica non ha bisogno di alcuna autorizzazione e men che meno preavviso, per avere accesso in un centro come questo. Invece si fa di tutto per scongiurarne l’entrata. Palazzotto così chiama direttamente il prefetto di Venezia, Zappalorto, per informarlo della situazione, delle difficoltà che gli vengono fatte. Una telefonata cordiale che dura qualche minuto. Si dovrà attenderà comunque quasi un'ora prima che i cancelli gli siano aperti. Il personale della cooperativa non fa nulla per sveltire o agevolarne l'entrata. Addirittura la direzione in principio non vuole parlare al telefono direttamente con lui ma solo attraverso un intermediario, un giovane che fa da mediatore linguistico, ironia della sorte. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All’esterno uno sparuto gruppo di giornalisti a cui si sommano diverse auto che vanno avanti e indietro raccogliendo gli ospiti dell’hub e portandoli chi lo sa dove. Al mattino, dice una voce che vuol restare anonima, il traffico di auto che li viene a prelevare è ancora più numeroso. Alle prime luci dell’alba sembra ci sia un gran traffico di auto che passano di qui.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arriva finalmente per l’on. Palazzotto il momento di entrare, dopo che fino all’ultimo si è tentato di posticiparne l’ingresso. Dopo più di un’ora di visita il parlamentare esce. Lo accerchiamo e gli domandiamo immediatamente come sia la situazione all’interno: “Le condizioni del centro, pure se di gran lunga ridimensionato, ci sono dentro ancora 460 persone, non sono affatto dignitose. Ho incontrato ragazzi che stanno qui da quasi due anni in attesa di una risposta. Persone che continuano a stare in una vera e propria tendopoli”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pochi giorni fa il ministro Salvini a domanda diretta ha risposto che i due hub saranno chiusi: “Grandi annunci da parte del ministro Salvini che ha detto che avrebbe chiuso questo centro e quello di Bagnoli. Non c’è in previsione la chiusura, però, ma in vista c’è solo un cambio di appalto”. Chiediamo almeno se le migliorie che erano state promesse durante le fasi più drammatiche, come ad esempio la morte di una donna o durante le proteste che da dentro si levavano per avere condizioni migliori o meglio i documenti, sono state fatte: “Allo stato attuale il centro è fase di dismissione, non ci sono state quindi grandi migliorie. Visto che non è stata confermata la gestione a chi lo fa ora, evidentemente non c'era nessun interesse a farle. Loro stanno solo smontando le strutture, poi chi si aggiudicherà il bando nuovo, ne metterà di proprie".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiusura?

"Oltre a ledere la dignità umana di chi è costretto qui crea anche tensioni sociali e alimenta tensioni e conflitti”. Qui tutti si chiedono se davvero chiuderanno, questi hub a Cona e Bagnoli: “Non mi pare ci sia davvero l’intenzione di una chiusura. Qui c’è semplicemente in vista un cambio di appalto, è in fondo una questione puramente tecnica. Non c’è quindi in previsione, concretamente, la chiusura di luoghi come questi o il Cara di Mineo, che infatti esiste ancora. Invece c’è la politica di chiudere i porti. Se la prima decisione non ha cambiato la sorte di chi sopravvive qui, l’altra ha determinato la morte dei tanti che provano ad attraversare il Mediterraneo”, ha concluso l'onorevole E. Palazzotto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento