Londra 2012, Marco Galiazzo oro nell’arco a squadre. I complimenti di Zaia

Il governatore veneto elogia i risultati dell'atleta padovano alle olimpiadi: “Due ori e terzo podio in 3 olimpiadi, è nella leggenda dello sport Veneto”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

“Una medaglia veneta nel primo giorno delle Olimpiadi è una notizia che in cuor nostro attendevamo, perché il gruppo dei nostri atleti a Londra è di quelli tosti. Lo è ancor di più perché è d’oro e perchè viene da Marco Galiazzo (e dai suoi due bravissimi compagni di squadra), che con il suo arco da anni ci regala allori olimpici, mondiali ed europei. Grazie Marco, a nome dei veneti e della storica tradizione sportiva del Veneto”. Con queste parole il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia saluta la medaglia d’oro conquistata dall’arciere padovano nella gara di tiro con l’arco a squadre tenutasi oggi alle Olimpiadi di Londra.

“Dalla sua prima vittoria ai giochi della gioventù conquistata a 14 anni – aggiunge Zaia – Marco ha percorso una cammino straordinario. Era già nella storia dello sport veneto con l’oro individuale di Atene 2004 e l’argento a squadre di Pechino 2008. Oggi entra nella leggenda con il secondo oro ed il terzo podio in tre Olimpiadi, in una di quelle discipline di cui ci si accorge solo quando arrivano vittorie olimpiche o mondiali. Sul campo di tiro Galiazzo anche stavolta ha messo in mostra freddezza, determinazione, ma anche serenità – conclude Zaia - un grande esempio di uomo ed atleta”.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento