menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camici bianchi col fiocco: una piccola ciocca per dire "No alla violenza sulle donne"

Un gesto semplice ma dal grande valore simbolico, che acquisisce un significato ancora più profondo in questo 2020, pesantemente contraddistinto dal Covid-19

L’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Padova dice “no” alla violenza sulle donne. E lo fa invitando i quasi ottomila iscritti ad appuntarsi sul camice, da oggi fino al 10 dicembre, un fiocco bianco. Un gesto semplice ma dal grande valore simbolico, che acquisisce un significato ancora più profondo in questo 2020, pesantemente contraddistinto dal Covid-19 che ha visto incrementare, con una drammatica deriva, le violenze domestiche: durante i lockdown gli episodi di sopraffazione, aggressione, maltrattamento nei confronti delle donne sarebbero, a una prima stima, raddoppiati.

I numeri

In questo preoccupante contesto giunge chiara e forte la presa di posizione del Consiglio Direttivo dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Padova che, insieme con la sua Commissione Pari Opportunità, ha infatti manifestato la sua adesione alla Campagna internazionale del “Fiocco Bianco” (White Ribbon Campain) in solidarietà con tutte le donne per combattere la violenza domestica e di genere. Alcuni numeri, particolarmente esaustivi, per inquadrare il problema: nel mese di marzo 2020, in pieno lockdown, il Centro Veneto Progetti Donna - Auser di Padova ha registrato il 56% di nuovi accessi in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, 27 donne a fronte delle 61 nel 2019. Quest’anno sarà il primo, dal 2015, che si invertirà il trend dell’aumento delle richieste di aiuto ai Centri antiviolenza: l'incremento era infatti un dato positivo perché andava ad erodere l’elevato tasso di sommerso. Risulta infatti che il 28% delle donne non parli con nessuno della violenza subita, e appena il 12% di loro denunci quanto loro accaduto alle autorità competenti. Inoltre, meno del 5% delle donne si rivolge ad un Centro antiviolenza. Da gennaio a ottobre 2020 a Padova e provincia hanno chiesto aiuto al Centro Veneto Progetti Donna 755 donne, di cui 356 con figli/e minori per un totale di 578 bambini/e.

Fiocco bianco

«Appuntando sul nostro camice un fiocco bianco, e invitando tutti i nostri colleghi a farlo, vogliamo far sapere a ogni donna, sia essa una collega, una paziente, una collaboratrice, che noi ci siamo, che può chiederci aiuto, che trova in noi dei fedeli alleati – sottolinea il Presidente dell’Ordine dei Medici, professor Paolo Simioni -. In quel fiocco c’è “scritto” un mondo: innanzitutto che le reti di aiuto esistono, e che nonostante le restrizioni negli ambienti domestici, uscire dalla relazione con un uomo violento è possibile. Che non bisogna avere paura, provare vergogna, tenersi tutto dentro. Noi medici ci siamo: molto sensibili al problema, rispondiamo “presente” nel modo più convinto. Chi lo desidera può farsi avanti con noi: troverà sicuri sodali per sconfiggere l’odioso virus della violenza, e approdare a un porto sicuro».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento