Sabato, 13 Luglio 2024
Attualità Villa del Conte

Un paese senza semafori: inaugurata nel Comune dell'Alta la nuova rotatoria

La rotatoria realizza uno dei punti cruciali del programma elettorale dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonella Argenti perché risolve finalmente un incrocio pericoloso e trafficato che rappresentava un problema annoso di congestione del traffico che puntualmente si verificava negli orari di punta

Anche gli ultimi quattro sono stati eliminati: Villa del Conte è ufficialmente un paese senza semafori che regolano gli incroci (ne rimangono solo alcuni per regolare gli attraversamenti).

Rotatoria

È stata infatti inaugurata la rotatoria “Al Cristo” - così conosciuta per l’adiacente capitello dedicato a Gesù crocefisso - che, di fatto, ha messo in sicurezza l’incrocio tra la SP39 di via Rettilineo, la SP46 di via Maso e le strade comunali di via Roma e via Sant’Anna. Un’opera attesissima da tutta la popolazione locale ma anche da chi frequenta le strade di Villa del Conte e che spesso era costretto a lunghe code al semaforo. La rotatoria realizza uno dei punti cruciali del programma elettorale dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonella Argenti perché risolve finalmente un incrocio pericoloso e trafficato che rappresentava un problema annoso di congestione del traffico che puntualmente si verificava negli orari di punta. Si tratta infatti di un incrocio all’intersezione tra quattro arterie, di cui due provinciali ad alta intensità di traffico anche pesante ed è proprio nel sito della nuova rotatoria che il traffico pesante deve necessariamente prendere la provinciale di Via Maso per attraversare il paese, il cui centro è interdetto ai mezzi pesanti, ad esclusione dei mezzi del servizio pubblico. Ora, grazie alla nuova rotatoria, con buona pace anche dei residenti e dei commercianti insediati, non vi saranno più mezzi in sosta ai semafori per molte ore del giorno, in quanto ora il traffico fluisce gradualmente e con costanza. Un risultato ottenuto grazie al costante lavoro portato avanti fin dal primo giorno di mandato dall'assessore ai lavori pubblici, Matteo Stocco, assieme agli uffici comunali e messo a punto nei tempi previsti nonostante i noti eventi mondiali che hanno bloccato aziende e lavoratori. Dopo la progettazione e gli appalti del caso, infatti, i lavori sono celermente proseguiti, nonostante gli immancabili imprevisti e le variazioni dei costi, monitorati regolarmente ed affrontati con puntualità da tecnici ed amministratori.

Lavori

I lavori sono stati eseguiti per la parte edilizia dalla ditta I.C.S. s.r.l. Impresa Conglomerati Strade con sede a Limena mentre l'arredo urbano, che ha abbellito l'opera, è stato garantito dall’azienda agricola La Fontana di Marcolongo che ha anche collocato una installazione raffigurante una simpatica mucca che contraddistinguerà la rotatoria e c. e dalle aziende Gianluca Giardini e Green House di Frasson R.  che hanno aderito al progetto “Cura il verde” per l’adozione delle aree verdi e degli spazi comunali da parte dei privati. L'opera - di circa 600mila euro, esclusi i costi di espropri e spese generali - è stata finanziata con bilancio comunale ed un contributo provinciale di 180mila euro della Provincia.

Antonella Argenti

Commenta il sindaco, Antonella Argenti: «Nonostante il periodo storico contrassegnato da una pandemia e dal caro prezzi delle materie prime che ha influenzato i cantieri tanto nel privato, quanto nel pubblico, inauguriamo oggi una delle opere viabilistiche più importanti del territorio comunale. E questo è stato possibile grazie alla lungimiranza di questa amministrazione, al coraggio della squadra che mi affianca, alla tenacia degli assessori, ed in particolare all’assessore ai Lavori pubblici, Matteo Stocco, e all’instancabile lavoro degli uffici comunali che ringrazio davvero per professionalità e dedizione. Un plauso anche alla Provincia di Padova che ha colto il valore del progetto e contribuito alla realizzazione di un'opera che vede attraversare l'incrocio anche dalle SP 22 ed SP 39. Oggi consegniamo con orgoglio questa importante opera pubblica alla nostra cittadinanza e con grande soddisfazione e annunciamo l’avvio dei lavori entro poche settimane, per la seconda importante rotatoria del nostro territorio: nella SP 22 nello svincolo di entrata nella frazione di Abbazia Pisani, un’altra opera attesa da decenni che sarà pronta nei prossimi mesi».

Matteo Stocco

Aggiunge l’assessore ai lavori pubblici, Matteo Stocco: «Con oggi mettiamo la parola fine ad un incrocio decisamente pericoloso anche a causa delle corsie di immissione sfalsate e alle lunghe code connesse con il suo attraversamento, specie nelle ore di punta, data la vicinanza con l’area industriale. La soluzione è stata trovata realizzando una rotatoria a biscotto che ha permesso di raccordare le diverse direzioni e posizioni delle strade e che obbliga i conducenti a rallentare perché impone loro di dare la precedenza in fase di immissione nell’incrocio. Questo evita le brusche fermate all’altezza del semaforo ed un flusso più regolare e scorrevole nei pressi dell’intersezione. Ringrazio quindi il direttore lavori, architetto Renato Cavallin e i privati espropriati con cui è stato raggiunto un accordo bonario per la cessione delle aree necessarie per realizzare l’opera, le ditte esecutrice dei lavori e i nostri tecnici comunali che ci hanno instancabilmente supportato nel raggiungimento di questo ambizioso e prezioso risultato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un paese senza semafori: inaugurata nel Comune dell'Alta la nuova rotatoria
PadovaOggi è in caricamento