rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Attualità

La salute in "pillole" nelle scuole del Padovano: torna il progetto One Health

L'obiettivo principale è sensibilizzare studenti, insegnanti e famiglie sull'importanza dell'adozione di stili di vita corretti per prevenire le malattie e preservare il benessere individuale

Anche quest'anno il Dipartimento Salute Donna e Bambino dell'Università degli Studi di Padova, in collaborazione con la Provincia di Padova, promuove una campagna di informazione e sensibilizzazione nelle scuole superiori  nell'ambito del progetto "One Health: Stili di Vita e Stili di Salute".

One Health

L'obiettivo principale è sensibilizzare studenti, insegnanti e famiglie sull'importanza dell'adozione di stili di vita corretti per prevenire le malattie e preservare il benessere individuale. Il vicepresidente della Provincia di Padova, Vincenzo Gottardo, ha commentato il lancio del progetto, definendolo un "tour dei sani stili di vita" nelle scuole del territorio: «Il progetto crea una rete virtuosa tra istituti scolastici, coinvolge gli studenti del biennio, che diventeranno ambasciatori dei buoni stili di vita per le generazioni successive, e utilizza formati adatti alle modalità di apprendimento dei ragazzi, come pillole di salute online e informazioni brevi. La scuola sta evolvendo, la popolazione scolastica padovana è molto numerosa, la percorrenza stessa degli studenti, per raggiungere le loro classi, a volte è molto lunga, la qualità della loro giornata, perciò, è influenzata da questa segmentazione del loro tempo. È un tema da affrontare, ma anche una possibilità, perché la scuola così si rende veicolo di informazioni utili».

Il progetto

Il professor Eugenio Baraldi, Direttore del Dipartimento Salute Donna e Bambino, ha presentato le pillole informative in programma: "Dimmi cosa mangi e ti dirò chi diventerai," "I danni del fumo da sigaretta," "L'importanza dell'attività fisica," "La sigaretta elettronica," e "Screen time VS Green Time”: «L'obiettivo è raggiungere il maggior numero possibile di giovani, ad oggi siamo arrivati a 4000 e proseguiremo. Quest’anno un focus particolare su argomenti recenti come le sigarette elettroniche». La professoressa Alessandra Biffi, Direttrice della Clinica Oncoematologica Pediatrica dell'Ospedale di Padova, ha sottolineato l'importanza del contesto in "One Health," evidenziando come «le abitudini consolidate in giovane età influenzano le malattie in età adulta. Gli specializzandi dell’Ospedale si renderanno disponibili per gli studenti, arricchendo le lezioni con storie, interviste e grafica, trasmettendo messaggi in modo immediato e coinvolgente». Peraltro, la Scuola di Specializzazione di Pediatria di Padova ha presentato il progetto a una convention a Bruxelles, ricevendo complimenti e la conferma che altri colleghi europei prenderanno il progetto come modello.

Le scuole coinvolte

Le scuole coinvolte in "One Health" sono l'ITS Pietro d'Abano, IIS Duca degli Abruzzi, ITC Calvi, IIS T.L Caro di Cittadella, IIS Kennedy di Monselice, IIS Einstein di Piove di Sacco. Il percorso inizierà a dicembre e si concluderà a maggio 2024 con un evento finale di restituzione. Il dirigente Giuseppe Turetta (ITC Calvi) ha evidenziato l'importanza del tema salute nell'educazione civica, mentre la referente Loredana Stumpo (IIS Duca degli Abruzzi) ha espresso curiosità riguardo allo svolgimento delle lezioni, sottolineando la fiducia nei propri studenti. La dirigente del liceo Lucrezio Caro, Antonella Bianchini, ha posto l'attenzione sulla battaglia contro le sigarette elettroniche, sperando che i messaggi veicolati abbiano un impatto concreto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La salute in "pillole" nelle scuole del Padovano: torna il progetto One Health

PadovaOggi è in caricamento