Attualità

La vita nei campi riportata dall'inchiostro di un contadino della Bassa Padovana

Resio Veronese, 80 anni, è un pensionato attivo di Coldiretti Padova. La sua ultima fatica letteraria, “All’ombra della povolata. Voci lontane da un mondo contadino”, verrà presentata domani alle 16,30 nella sala polivalente di Sant'Elena

E’ fresco di stampa l’ultimo libro firmato da Resio Veronese, poeta contadino e presidente dei “senior” di Coldiretti Padova, che ha già al suo attivo diverse pubblicazioni. “All’ombra della povolata. Voci lontane da un mondo contadino”, racconta l’infanzia e la giovinezza dell’autore nella campagna della Bassa Padovana, recuperando ricordi vividi e nitidi ritratti della vita contadina, tra le difficoltà quotidiane e la spensieratezza dei ragazzi negli anni Cinquanta e, in seguito, in quelli dello sviluppo economico e una nuova dimensione sociale, senza mai perdere il legame con la terra e le sue tradizioni. Il ricavato delle vendite del libro sarà devoluto alle attività dell’associazione Age Speciale di Sant’Elena, a favore delle iniziative rivolte ai giovani con disabilità.

La presentazione

Il libro sarà presentato domenica 5 marzo a Sant’Elena, alle 16,30 nella sala polivalente parrocchiale di via Roma 37. Insieme all’autore intervengono: Emanuele Barbetta, sindaco di Sant’Elena; Roberto Valandro, scrittore e storico della Bassa Padovana; Lucio Merlin, esperto della storia locale; don Andrea Pellegrini, parroco di Sant’Elena e Granze; Massimo Bressan, presidente di Coldiretti Padova. Nei giorni scorsi alcuni brani del libro sono stati letti, alla presenza dell’autore, durante gli incontri di aggiornamento per operatori agrituristici organizzati da Coldiretti Padova. Queste pagine trasmettono sapere e testimonianze da tramandare anche alle giovani generazioni di agricoltori impegnati nella promozione del mondo contadino.

Chi è lo scrittore

Resio Veronese, agricoltore ottantenne della Bassa Padovana, è conosciuto come il poeta contadino per la sua attività rivolta alla diffusione delle tradizioni rurali. E’ un pensionato attivo di Coldiretti Padova, non a caso presidente dell’associazione provinciale degli over 65, che raccoglie otre 13 mila iscritti, e grande appassionato di storia. Nel suo agriturismo “Campagna Saline”, operativo fino a poco tempo fa, i clienti oltre che a degustare piatti si approcciavano ai tempi andati grazie ad una raccolta di oggetti e strumenti che di fatto è una collezione di ricordi minuziosa e visitabile ora a disposizione della amministrazione comunale. Quella di Resio è memoria sempre generosa che mette a disposizione di piccoli e grandi attraverso le sue parole, i suoi scritti. E anche in questo caso i gesti di una forte coerenza esprimono il senso dell’essere gente di campagna, di tramandare valori antichi e insegnamenti sempre attuali, di essere allo stesso tempo testimone e protagonista della trasformazione dell’agricoltura e dell’ambiente, con le radici ben piantate a terra e il pensiero sempre in movimento. Tuttora impegnato nel sociale e nell’ambito della didattica scolastica, Resio indossa “i panni” del passato per far vivere alle nuove generazioni i segreti di una cultura attraverso la coltivazione dei campi e il racconto di aneddoti, proverbi e detti della gente dei campi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La vita nei campi riportata dall'inchiostro di un contadino della Bassa Padovana
PadovaOggi è in caricamento