menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo una settimana, muore il bimbo impiccatosi per gioco in mansarda

Domenica 14 ottobre l'11enne, appeso con una corda al lucernario di casa, era stato salvato in extremis dai genitori. In ospedale i medici hanno rilevato un danno cerebrale irreversibile. I genitori hanno acconsentito alla donazione degli organi

Danni cerebrali irreversibili. Questo il responso dei medici dell'ospedale di Padova per il bimbo padovano di 11 anni, dichiarato clinicamente morto questo fine settimana a distanza di 7 giorni da quella tragica domenica in cui, per gioco, si era impiccato con una corda al lucernario della mansarda di casa.

IL FATTO: BIMBO S'IMPICCA PER GIOCO AL LUCERNARIO DI CASA

LA DONAZIONE DEGLI ORGANI. Soccorso dai genitori che lo avevano trovato già privo di conoscenza, era stato ricoverato in gravi condizioni in terapia intensiva nel nosocomio del capoluogo, ma nulla hanno potuto i medici per strapparlo a una sorte ormai già scritta. Mamma e papà hanno acconsentito all'espianto degli organi.

IL PARROCO. "La famiglia sta affrontando questa grande sciagura con equilibrio magistrale - ha spiegato il parroco della chiesa familiare in un Comune alle porte di Padova - Ci sono una mamma ed un papà che stanno cercando di reagire a questo dolore enorme: preghiamo per loro e rispettiamo il loro dolore".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento