menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blue tongue e aviara: Regione attiva sistema di sorveglianza con istituto Zooprofilattico

"Una rete a vantaggio dei servizi veterinari, ma anche degli allevatori e delle relative associazioni", sottolineano gli assessori regionali alla Sanità e all'Agricoltura

La Regione Veneto affida all’Istituto Zooprofilattico delle Venezie di Legnaro il monitoraggio e la sorveglianza su focolai di blue tongue, influenza aviaria, West Nile e altre zoonosi pericolose per la salute animale e dell’uomo.

RESOLVE. L'intento è quello di aggiornare in modo sistematico e continuativo la rete informativa “Resolve” (www.resolveveneto.it) in modo da raccogliere e pubblicare in tempo reale i dati sanitari sulla diffusione delle epidemie animali e relativi studi epidemiologici.

APP. "Una rete a vantaggio dei servizi veterinari, ma anche degli allevatori e delle relative associazioni – sottolineano gli assessori regionali alla Sanità e all'Agricoltura – perché raccoglierà le disposizioni delle autorità competenti, le informazioni relative ai focolai denunciati, i controlli effettuati, le vaccinazioni eseguite, gli interventi dei veterinari pubblici e privati, la mappa dei permessi di movimentazione dei capi”. Una applicazione consentirà ai veterinari di accedervi anche su dispositivo mobile (smarphone o tablet).

FOCOLAI. “Lo scorso anno si sono verificati in Veneto numerosi focolai di ‘blue tongue’ e l’inizio del 2017 è stato contrassegnato da ripetute epidemie di influenza aviaria – spiegano i due assessori – I servizi veterinari e le autorità sanitarie necessitano di uno strumento efficace e aggiornato di monitoraggio per poter predisporre le attività di controllo e biosorveglianza e attivare anche interventi mirati di formazione e di esercitazione”.

180 MILA EURO. Per realizzare il sistema di sorveglianza continuativo la Regione Veneto ha destinato all’Istituto Zooprofilattico delle Venezie 180mila euro della quota accentrata del fondo sanitario.  La rete “Resolve”, così implementata, consentirà ai servizi sanitari delle Ulss di gestire in maniera informatizzata tutti i dati delle malattie, accedere ad informazioni dettagliate a livello locale, avere a disposizione una serie di report di tipo geografico e statistico per sorvegliare i focolai e valutare eventuali rischi di trasmissione. Inoltre la valutazione dei livelli di biosicurezza degli allevamenti consentirà nei prossimi anni di censire le aziende anche in base alla probabilità di rischio di diffusione di malattie  infettive, in particolare quelle trasmissibili all’uomo, come l’aviaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento