menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Via fra Eremitano, dove è avvenuto il controllo di polizia

Via fra Eremitano, dove è avvenuto il controllo di polizia

Caffè al posto di iPhone e iPad Bloccati truffatori napoletani

Poliziotti in borghese a Padova hanno scovato padre e figlio pluripregiudicati, specialisti della cosiddetta "truffa dei pacchi", durante un controllo in via fra Eremitano, sotto il cavalcavia Borgomagno

Erano in tre a bordo di una Bmw grigia parcheggiata in via fra Eremitano, di fronte al locale Africa soul, praticamente sotto al cavalcavia Borgomagno: padre 50enne, figlio 30enne (entrambi senza patente) e il loro autista, tutti napoletani. A prima vista i poliziotti in borghese di pattuglia nella zona, notoriamente frequentata da pusher, li avevano scambiati per potenziali spacciatori, fermandoli così per un controllo. Ma dagli accertamenti effettuati sul posto è emerso che i due parenti erano invece dei pluripregiudicati, esperti in raggiri, con una sfilza ventennale di reati alle spalle. E proprio in quel momento stavano per mettere a segno la loro specialità, la cosiddetta "truffa dei pacchi".

LA TRUFFA DEI PACCHI. Il raggiro messo in atto dai napoletani consisteva nel vendere a ignari clienti prodotti come iPhone o iPad, in questo caso per una cifra di 250 euro, mostrando loro la merce e poi consegnando il pacco. Peccato che, di nascosto dagli acquirenti, all'ultimo minuto i truffatori scambiavano gli imballi con altri, cammuffati da originali, ma contenenti invece solo pacchi di caffè.

UOMINI "D'ONORE". Secondo quanto riferito dalla polizia, il 50enne, al momento del controllo da parte degli agenti, si sarebbe addirittura lanciato in una sceneggiata di rabbia per essere stato scambiato per uno spacciatore, probabilmente orgoglioso dei suoi 20 anni di onorata carriera nel campo della truffa. L'uomo, che fra l'altro avrebbe dovuto trovarsi agli arresti domiciliari, si trovava a Padova solo di passaggio, i tre infatti a quanto pare erano diretti in Austria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento