Smantellato giro di prostituzione e casa di appuntamenti in un residence della Guizza

L'intervento della polizia locale è avvenuto la notte del 7 novembre: sono in corso accertamenti per capire eventuali responsabilità di altre persone per favoreggiamento

Una casa di appuntamenti con un viavai di uomini. La notte del 7 novembre gli operatori della polizia locale di Padova hanno scoperto che alcuni appartamenti all'interno di un residence in via Guizza al confine col comune di Albignasego, venivano utilizzati da lungo tempo per l'attività di prostituzione. Gli agenti, intervenuti dopo le numerose segnalazioni dei cittadini e dei colleghie del comando di polizia locale dell'Unione Pratiarcati, sono entrati in 4 appartamenti di proprietà di una società con sede nel vicentino e di alcuni privati, dopo aver sentito quali testimoni alcuni clienti che hanno confermato di aver appena consumato un rapporto sessuale, pagando il corrispettivo richiesto per la la prestazione direttamente nelle mani della prostituta (importi da 30 a 100 euro circa), all'interno dei locali presi in affitto.

Prostitute dall'Est e dal Sud America

Nel residence sono state identificate alcune prostitute dell'est e provenienti da paesi del Sud America, che, dopo aver confermato l'attività svolta, hanno raccontato di aver preso in locazione gli appartamenti tramite alcuni siti del settore alberghiero/turistico, modalità particolarmente agevole trattandosi di un residence con destinazione prevalente a struttura extra alberghiera del tipo "bed & breakfast". Una volta ottenuta la disponibilità degli appartamenti, le prostitute contattavano i potenziali clienti tramite internet, dando loro appuntamento nel residence.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine e i controlli

La polizia locale stava attenzionando la struttura (composta da circa 25 unità abitative) tramite specifici appostamenti già da qualche tempo, con varie testimonianze da parte di clienti, anche di giorno. Nella notte del 7 novembre, l'assiduità delle particolari frequentazioni si è ben compresa dall'elevato numero di persone che nella mezz'ora precedente all'intervento giungevano in prossimità al residence, e che dalla strada prospiciente tentavano di mettersi telefonicamente in contatto con le donne. Sono in corso accertamenti per verificare eventuali responsabilità per i reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, dato che il semplice esercizio della prostituzione in luogo privato da parte della persona direttamente interessata non costituisce alcun tipo di illecito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

Torna su
PadovaOggi è in caricamento