menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Party abusivo di Ferragosto Arrestato 18enne padovano

Una festa illegale in spiaggia è stata scoperta e interrotta a Caorle. Denunciati i due organizzatori 19enni di Venezia e Treviso e anche un minore padovano. In manette studente di Padova, scagliatosi contro i carabinieri

Circa 300 giovani raccolti intorno ad un impianto audio di oltre mille watt di potenza, musica a tutto volume, bottiglie e bicchieri di plastica sparsi ovunque sulla battigia: un party in spiaggia "in piena regola" visti gli ingredienti, ma di fatto del tutto abusivo. L'intervento delle forze dell'ordine ha interrotto la festa, portato alla denuncia degli organizzatori, di un minore di Padova con carta d'identità rubata e all'arresto di un secondo padovano scagliatosi contro i militari dell'arma e in possesso di droga.

ORGANIZZATORI DENUNCIATI. È quasi mezzanotte di giovedì, giorno di Ferragosto, quando i carabinieri della stazione di Caorle, con il supporto delle altre pattuglie in turno della compagnia di Portogruaro, della tenenza della Guardia di Finanza e della polizia locale, intervengono sull'arenile del Lido ''Altanea''. I militari, fatta spegnere la musica, tra le proteste di qualcuno stimolato dall'eccesso di alcol, invitano i restanti ad allontanarsi trattenendo sul posto gli organizzatori - due studenti 19enni di Ceggia (Venezia) e Roncade (Treviso) - che, smontato l'impianto e tolte le immondizie dalla spiaggia, vengono accompagnati in caserma per la notifica delle infrazioni accertate: occupazione abusiva dello spazio marittimo, che comporta una pena fino ad un anno di reclusione, con il sequestro di tutta l'apparecchiatura (amplificatori, casse acustiche, luci stroboscopiche e generatore di corrente), presa in affitto da una società di Treviso.

PADOVANO COLPISCE CARABINIERI. Durante l'allontamento sulla spiaggia dei presenti, improvvisamente, un 18enne di Padova si scaglia contro due militari impegnati nel controllo colpendoli prima di essere bloccato e perquisito. C.N., studente, viene quindi arrestato per resistenza, porto illegale di arma e detenzione di stupefacente poiché in tasca nascondeva un tirapugni di metallo e due grammi di marijuana. Nella circostanza è stato anche denunciato per possesso di documento falso un 17enne di Padova, trovato con una carta d'identità rubata sulla quale aveva apposto la propria fotografia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento