menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prega alla moschea di via Turazza e in casa tiene testi su salafismo pro jihad: indagato

L'uomo, un operaio 45enne di origine marocchina, è finito sotto la lente d'ingrandimento delle forze dell'ordine per il reato di associazione terroristica

Frequenta la moschea di via Turazza a Padova, abita in zona Palestro e lavora come operaio. Dietro quelle sembianze di cittadino apparentemente integrato, però, potrebbe nascondersi un terrorista. Nel mirino delle forze dell'ordine un 45enne di origine marocchina.


SOSPETTI E ACCUSE. Secondo l'accusa coordinata dal procuratore distrettuale antiterrorismo Adelchi d'Ippolito, infatti, sarebbero troppi i movimenti sospetti del marocchino. Primo fra tutti un viaggio a Parigi avvenuto a pochi giorni dagli attentati di novembre. Un viaggio organizzato in tutta fretta e senza apparente motivo. Non solo: a seguito della perquisizione avvenuta nella sua abitazione, sarebbero stati trovati testi inerenti al salafismo, movimento che oggi è considerato fondamentalista e marcatamente ostile alla modernità, e quindi pericolosamente legati alla jihad. Per questi motivi risulta tutt'ora indagato per il reato di associazione terroristica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento