Tragedia sfiorata: suicida salvato in extremis grazie alla chiamata disperata della moglie

Nel camposampierese una donna ha chiesto l'intervento dei carabinieri per salvare il marito, chiuso in garage dove aveva già preparato una corda e una sedia per togliersi la vita

Una chiamata disperata da parte della moglie, l'intervento tempestivo dei carabinieri e un dramma evitato per un soffio.

L'allarme

Tutto è successo in una manciata di minuti attorno alle 21 di mercoledì 25 aprile. Da un'abitazione di Camposampiero una 46enne ha telefonato disperata ai carabinieri della compagnia di Cittadella, chiedendo aiuto per il marito che manifestava la volontà di uccidersi. Immediatamente una pattuglia partita dalla stazione camposampierese è arrivata sul posto, trovando l'uomo chiuso in un garage.

Il salvataggio

Nel box era tutto pronto per realizzare il tragico proposito: una corda fissata in alto e una sedia, dove l'uomo in preda allo sconforto era già salito mettendosi il cappio attorno al collo. Solo la prontezza dei militari ha evitato il peggio. I carabinieri sono infatti riusciti a tenere sospeso l'uomo e a rimetterlo a terra nel giro di pochi secondi, salvandogli la vita. Sul posto è stata chiamata anche un'ambulanza, che lo ha portato all'ospedale per alcuni accertamenti sul suo stato fisico e psicologico.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Vintage Festival, festa dell’uva e del vino, incontri culturali e sagre: il weekend a Padova

  • Evasione fiscale: le fiamme gialle confiscano 500mila euro di beni a un imprenditore

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

Torna su
PadovaOggi è in caricamento