rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Riviere / Riviera Tito Livio

Studentesse in Erasmus smascherano truffatori: affittavano stanze e poi sparivano

La coppia proponeva appartamenti e dopo essersi fatti mandare una caparra tergiversavano e non mostravano mai le abitazioni. Sono stati colti sul fatto in un bar di Riviera Tito Livio

Proponevano contratti d’affitto a giovani studenti e una volta incassata la caparra non si facevano trovare. Mercoledì alle 12.15 ieri in galleria Tito Livio al Bar Fly sono stati denunciati per truffa un 29enne originario di Avellino e una 24enne molava. I due si erano dati appuntamento al bar con altre due studentesse che gli hanno teso una trappola. Mentre tutti erano seduti al tavolino, una signora italiana ha chiamato le forze dell'ordine e i gli impostori sono stati colti sul fatto.

ALTRI INGANNI.

Una ragazza spagnola di 20 anni e una coetanea inglese, entrambe a Padova per il programma Erasmus, avevano contattato i truffatori via web ad agosto, attraverso il gruppo Facebook River Rooms. La coppia proponeva un'abitazione in affitto in riviera San Benedetto al civico 150. Le parti si sono sentite via skype e via email, scambiandosi documenti vari, fino a quando il 17 agosto le ragazze hanno inviato in coppia un bonifico di 590 euro come caparra. Da quel momento i due truffatori hanno iniziato a tergiversare, adducendo scuse per non far vedere l'appartamento. Nel frattempo le ragazze sono state contattate da uno studente tedesco, anch'egli nel gruppo River Room, che era stato raggirato dai due. Messi all'angolo, i truffatori hanno proposto alle due un'altra casa. Le ragazze dunque hanno teso la trappola ai truffatori al bar Fly con la scusa di dover firmare un nuovo contratto di affitto: l’intervento delle forze dell’ordine ha permesso di coglierli sul fatto e di denunciarli.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studentesse in Erasmus smascherano truffatori: affittavano stanze e poi sparivano

PadovaOggi è in caricamento