Economia

Tasse, Padova prima in Italia per gettito pro capite di Imu e Tasi

I dati diffusi dal Sole 24 Ore sui tributi richiesti nelle città capoluogo vedono la città del Santo in vetta con ben 668,3 euro per abitante. Ascom: "Soldi che però principamente finiscono a Roma"

Secondo i dati diffusi dal Sole 24 Ore sui tributi richiesti nelle città capoluogo relativi ad Imu e Tasi, Padova si aggiudica il primato per il maggior gettito pro capite: 668,3 euro per abitante contro i 111,2 euro di Crotone, ma anche i 185,5 di Treviso, i 197,2 di Vicenza, i 217,5 di Rovigo, i 223,1 di Belluno, i 373,8 di Venezia ed i 414,9 di Verona.

UN SALASSO. "Il giornale economico – commenta Patrizio Bertin, presidente dell’Ascom padovana – fa delle utili precisazioni: primo, la cifra pro capite non rappresenta il conto medio per le famiglie perché comprende negozi, alberghi e capannoni che alzano molto il dato; secondo, solo in parte è colpa dei Comuni visto che l’impennata del gettito è figlia legittima delle scelte statali che hanno gonfiato la base imponibile portando allo Stato tutti gli aumenti standard; terzo, l’evasione sulla casa che l’Agenzia delle Entrate ha stimato in 4,2 miliardi e che, evidentemente, non riguarda Padova e, con buona approssimazione, gran parte delle città del Nord". Utili precisazioni. Che non eliminano, però, la sensazione che essere proprietari di un immobile a Padova non solo non sia un affare, ma anzi sia fonte di un salasso continuo.

FOSSERO INVESTITI SUL TERRITORIO. "Come ben documenta il Sole – aggiunge Bertin – il problema sostanziale è che sono risorse che solo in parte finiscono nelle casse comunali. Sapere che ogni padovano ha sborsato di Imu e Tasi quasi 700 euro farebbe meno rabbia se quei soldi rimanessero totalmente sul territorio e servissero, che ne so, per abbellire la città, renderla più accogliente, combattere il degrado. Invece, in buona parte, prendono la via della capitale e vanno ad alimentare una spesa pubblica sempre più vorace e sempre meno trasparente come dimostrano anche le inchieste di questi giorni". "Per fortuna l’assessore Grigoletto ha abbassato l’Imu per negozi, uffici e capannoni allo 0,99% - conclude con ironia e pragmatismo il presidente dell’Ascom - Diversamente oggi, di fronte ad un primo posto che credo nessuno ci invidi, avremmo di che deprimerci".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tasse, Padova prima in Italia per gettito pro capite di Imu e Tasi

PadovaOggi è in caricamento