rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Cultura Montagnana

“Da Riva a Riva, il Nostro Veneto”, il nuovo format per la promozione delle eccellenze del territorio

Ogni serata, dal 31 maggio al 5 giugno in Piazza Vittorio Emanuele II – Montagnana, sarà dedicata a una provincia diversa dove si proporranno le eccellenze del territorio, accompagnati anche da AIS Veneto che grazie ai suoi sommelier proporrà degustazioni e approfondimenti sul mondo dell’enologia locale

L’Associazione Montagnana 365 APS, porterà sulla piazza della Città Murata di Montagnana (PD) un nuovo format per la promozione delle eccellenze del territorio. Dopo il successo ottenuto negli anni scorsi con il Montagnana Wine Festival, atteso appuntamento dedicato all’enologia e non solo, l’impegno per il 2022 abbraccia la promozione turistica di un vasto territorio, che si estende dalla riva del Lago di Garda a quella del Delta del Po polesano. Da Riva a Riva, il Nostro Veneto, infatti, sarà l’appendice alla tradizionale rassegna e dal 31 maggio al 3 giugno arricchirà di nuovi contenuti la manifestazione.

Scopri tutto il programma del Montagnana Wine Festival

Il territorio che va raccontato

«Pensiamo – spiega il presidente dell’Associazione Montagnana 365 Aps, Alberto Bernardi – che per la promozione del nostro territorio serva un racconto più ampio. Oltre alle eccellenze enogastronomiche, già di per se autentico vanto dell’offerta territoriale, c’è un patrimonio immateriale fatto di cultura, di storia, di bellezza, di opportunità di visitazione che appartengono allo stesso paesaggio e meritano di essere ri-conosciute. Negli ultimi anni anche i nostri territori, tradizionalmente esclusi dai grandi movimenti turistici, sono andati strutturandosi con percorsi, itinerari, strade che rispondono a quel turismo slow che oggi rientra tra le scelte di viaggio di un pubblico internazionale. Solo 15 o 20 anni fa tutto questo non esisteva, pur esistendo la stessa bellezza dei territori. Ma negli ultimi anni è stata costruita una rete di opportunità che hanno di fatto messo in connessione il frantoio con il museo, la cantina con l’arte di una città murata o con quella di una chiesa rinascimentale, l’azienda agricola e le sue eccellenze con l’idea di una vita sana e rispettosa dell’ambiente. Sono dei piccoli pacchetti turistici non solo necessariamente rivolti ad dei turisti, ma rientrano anche tra le possibilità di leggere questi territori attraverso un nuovo punto di vista: decisamente sensoriale ed emozionale. Ecco da Riva a Riva, il nostro Veneto vuole essere una fiera del turismo di prossimità o di visitazione, ma soprattutto l’invito – rivolto anche a chi abita questi territori – a guardare il bello che ci circonda. Viviamo in una sorta di museo diffuso, in un eden dalla biodiversità incredibile che produce ogni varietà agroalimentare: è arrivato il tempo di esserne consapevoli, di esserne felici e di approfittarne».

Il programma: ogni sera una città diversa

Ognuna delle 4 serate di da Riva a Riva, il nostro Veneto, sarà dedicata a una provincia diversa, si partirà con Padova il 31 maggio, a seguire Vicenza, Verona e il Polesine che attraverso i propri asset: Enti Parco, Città Murate, Consorzi di promozione turistica, Consorzi dell’agroalimentare e Strade del Vino proporranno al pubblico le loro eccellenze in sinergia con il Movimento del turismo del vino. Non mancheranno le proposte regionali originali, come quella del Gin veneto, rappresentato dai migliori produttori dei quattro territori, e gli extravergine del Consorzio di tutela dell’olio di oliva veneto Dop, anch’esso espressione di un territorio vasto che comprende Lessinia, Colli Berici, Colli Euganei e Bassano del Grappa. Inoltre ogni sera i sommelier di AIS Veneto offriranno la possibilità di percorsi degustativi dei vini delle province coinvolte, mentre l’Associazione G.R.A.S.P.O proporrà un inedito viaggio con assaggi di vini ottenuti da vecchie varietà autoctone.

“Vitigni del passato per vini del futuro”

La rassegna si chiama “Vitigni del passato per vini del futuro” e promette un viaggio nel tempo, oltre che nello spazio fisico dei territori compresi tra la riva del Lago di Garda e quella del Delta del Po veneto. Ci sarà un’area dedicata all’Associazione internazionale VinNatur e ai suoi Vini naturali perché la sensibilità all’ambiente è uno dei temi che la manifestazione vuole promuovere insieme alle nuove frontiere dell’enologia. A tema, ovviamente sarà anche il food. Ad occuparsene sarà un pool di chef arruolati tra le fila delle Associazioni Cuochi provinciali Padova, Verona, Vicenza, Rovigo, degli studenti e dei docenti dell’Istituto Alberghiero Jacopo da Montagnana e delle Tavole Montagnanesi, gruppo che annovera parte dei ristoratori e dei pasticceri della Città Murata. L’offerta spazierà dai classici “spunciotti” ai piatti gourmet e troverà sostanza anche nell’Area Gastronomica curata dai chef volontari del DSE, Dipartimento Solidarietà ed Emergenze Veneto della Federazione Italiana Cuochi, sempre con piatti preparati con i prodotti tipici dei diversi territori, tra i quali va annoverata la preziosa presenza del Consorzio di tutela del formaggio Asiago Dop e il Consorzio di tutela del Prosciutto Veneto Berico-Euganeo Dop.

279960024_390776796260577_1026427152119658119_n-2

«Saranno quattro serate all’insegna del viaggio da fermi – prosegue Bernardi – ma idealmente di strada ne faremo parecchia per spostarci da un territorio all’altro attraverso, itinerari, sentieri, percorsi anche e soprattutto sensoriali, giocati sui sapori che rendono unica questa parte del nostro Veneto: dal formaggio Asiago, su sull’Altopiano dei Sette Comuni, alla Perla rosa del Delta, l’ostrica allevata con metodo Tarbouriech nella Sacca degli Scardovari da Alessio Greguoldo, recentemente eletta la migliore d’Italia. In anteprima il 3 giugno, ed abbracciando il weekend del 4 – 5 giugno partirà il Montagnana Wine Festival. Una selezione di 40 produttori vitivinicoli ci porteranno a degustare le migliori bottiglie, quelle – per intenderci – che ci rendono famosi nel mondo, ma non solo quelle perché avremo anche degli ospiti d’eccezione come il Consorzio tutela vini dell’Oltrepò Pavese e, come per le date di Da Riva a Riva, il nostro Veneto, una delegazione di produttori del circuito VinNatur».

AIS Veneto

A fianco di enologi e “vigneron” ci sarà l’onnipresente AIS Veneto che grazie ai suoi sommelier proporrà degustazioni e approfondimenti sul mondo dell’enologia locale e presenterà la nuova guida online ai vini del Veneto, Vinetia.it., continuando il tour iniziato lo scorso 14-15 maggio da Treviso.

Come accedere alle degustazioni

Il pubblico potrà accedere alle varie proposte di degustazione attraverso il kit che comprende: calice, un particolare braccialetto Smart contenente 5 coupon, al prezzo di 10 euro. A completare l’offerta di promozione e intrattenimento, della sei giorni targata Montagnana 365 Aps, ci saranno gli accessi gratuiti al Mastio di Ezzelino curati dall’Associazione Murabilia affascinaturismo di Montagnana.

mwf2021web-64-calici-2

«Anche quest’anno – conclude Alberto Bernardi – l’impegno è quello di portare a Montagnana qualcosa di veramente importante per il nostro territorio. Dal 31 magio al 5 giugno si concretizzeranno mesi di lavoro quotidiano trascorsi nel creare contatti, sinergie, sane relazioni, proposte di valorizzazione dei nostri prodotti in primis il vino, tanto che la nostra manifestazione ha ottenuto dallo scorso anno il Patrocinio della Presidenza Veronaferie - Vinitaly. Segno che il Montagnana Wine Festival sta diventando un punto di riferimento importante all’interno della promozione enologica. Questo riconoscimento ci inorgoglisce, ma allo stesso modo ci rende fieri del rapporto con le tante realtà produttive locali che hanno aderito alla nostra iniziativa e che quindi credono nel nostro modo di promuovere anche il loro lavoro. Uno dei nostri obiettivi strategici è sempre stato quello di restituire alla Città quella centralità storica che ha sempre avuto all’interno del territorio tra le provincie di Padova, Verona, Vicenza e Rovigo. Montagnana ne è sempre stata il riferimento e oggi, grazie a questo grande appuntamento fieristico, ne è anche la vetrina, un punto di presentazione e promozione di tutti quei valori legati alla terra, alla cultura e alla storia che questa fertile parte del Veneto possiede e che finalmente ora può orgogliosamente esibire».

Info web

https://conipiediperterra.it/eventi/da-riva-a-riva-il-nostro-veneto/2022-05-31

https://www.facebook.com/darivariva/

https://www.padovaoggi.it/eventi/festival-vino-montagnana-wine-3-4-5-giugno-2022.html

Foto articolo da comunicato stampa

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Da Riva a Riva, il Nostro Veneto”, il nuovo format per la promozione delle eccellenze del territorio

PadovaOggi è in caricamento