Ordine filosofico-teologico e simbologia nella pittura di Giotto

Martedì 6 novembre al Centro Universitario Zabarella la Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari organizza una conferenza sulla pittura di Giotto e sui simboli della Cappella degli Scrovegni. Ospite il filologo classico e storico dell'arte italiano Giuliano Pisani

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

In occasione dell’Anno della Fede indetto da Papa Benedetto XVI, dedicato ad intensificare «la riflessione sulla fede per aiutare tutti i credenti in Cristo a rendere più consapevole ed a rinvigorire la loro adesione al Vangelo», la Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari di Padova (F.I.D.A.P.A. B.P.W. – ITALY) organizza, martedì 6 novembre ore 16 al Centro Universitario Zabarella, una conferenza dedicata "all’ordine filosofico-teologico e simbologia nella pittura di Giotto” e alla sua più celebre opera padovana: la Cappella degli Scrovegni. Fatta costruire nel 1300 dall’uomo d’affari Enrico Scrovegni quale cappella privata annessa al suo palazzo padovano, il celebre monumento, ancora oggi dopo sette secoli, continua a suscitare immediata ammirazione e stupore a tutti coloro che lo visitano.

Ospite dell’incontro il filologo classico e storico dell'arte italiano, nonchè vice presidente del Comitato Scientifico “Giardino dei Giusti del Mondo”, Giuliano Pisani, autore di importanti saggi dedicati all’opera giottesca tra i quali l’importante “I volti segreti di Giotto. Le rivelazioni della Cappella degli Scrovegni” edito da Rizzoli.

Nel volume e nei suoi scritti successivi, Pisani ha decifrato i passaggi oscuri un tempo attribuiti all’approssimativa preparazione dottrinale del pittore, svelando la sofisticata trama filofico-teologica dei volti sacri e dei simboli religiosi. “Quella raccontata da Giotto è sì la storia di Cristo e della salvezza dell’uomo, ma è anche un invito a meditare sul significato della vita. Un messaggio universale ed eterno scritto certamente sotto la guida di un raffinato teologo”.

L’incontro, presieduto dalla Prof.ssa Massimiliana Bettiol, Presidente FIDAPA di Padova, vedrà la partecipazione di Mons. Prof. Claudio Bellinati, bibliotecario e archivista della Biblioteca Capitolare di Padova, raffinato saggista autore, tra le altre opere, del volume “Giotto. Padua Felix. Atlante iconografico della Cappella Scrovegni (1300-1305)”, nonchè membro della Commissione diocesana per l’Arte Sacra, membro della Consulta per i Beni Ecclesiastici delle Tre Venezie e Medaglia d’Oro del Ministero della Cultura. E’, inoltre, consulente ecclesiastico dell’Unione Cattolica Artisti Italiani, che sta organizzando per il 2013 una mostra dedicata al “Credo”.
 

Torna su
PadovaOggi è in caricamento