menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Massimo Bitonci e il post polemico su magliette rosse: "Si indigna Zan? Sa solo organizzare manifestazioni"

"Non hanno fatto nulla - spiega sottosegretario - quando erano al governo, su questo tema. Vivono in attici in centro e fanno la morale, mi sono fatto una risata vedendoli in maglietta rossa fare girotondi"

"Adesso prendiamo mome e cognome ed indirizzo, mandiamo la lista dei “girotondini” con maglia rossa al Ministro dell’Interno Matteo Salvini ed al Prefetto, così possiamo chiudere Cona Conetta e Bagnoli, trasferendo i “clandestini” nelle loro case accoglienti!". Con questo post il sottosegretario Massimo Bitonci ha attaccato organizzatori e partecipanti alliiniziativa lanciata da Don Ciotti di LIbera. Non si è fatta attendere la risposta dell'onorevole Alessandro Zan, sempre su FB:  "Manifestare è un diritto sancito dalla Costituzione: è gravissimo che un membro del governo (Bitonci ora è sottosegretario all’economia) voglia raccogliere i nomi di chi ieri è sceso in piazza a Padova contro la disumanità che lui stesso fomenta. 
Ecco come Bitonci, invece di lavorare per il territorio che lo ha eletto e per il Paese, utilizza il suo ruolo istituzionale per minacciare chi non tace contro il governo grillino-leghista. Se la metta via e la smetta con questo odio verso Padova e i Padovani che lo hanno già bocciato e mandato a casa. Vergognati, Bitonci!"

Le parole di Bitonci

Abbiamo così contattato l'ex sindaco di Padova che ci ha risposto così, riguardo questa polemica: "Alessandro Zan risponde a ogni cosa che posto. A ogni cosa che dico lui ribatte. E' un parlamentare e invece pensa solo a organizzare manifestazioni a Padova". Il suo post ci andava giù duro con chi ha partecipato sabato alla iniziativa: "Che loro continuino pure a fare i girotondi - sorride Bitonci - hanno dormito per anni mentre l'Europa scaricava sull'Italia un problema che non è solo nostro". Alterna momenti molto seri a battute, il sottosegretario: "Secondo l'organizzazione mondiale della sanità, percorrere 10.000 passi al giorno è il miglior modo per mantenersi in salute. Forse è per questo che fanno queste cose". 

Attici e cortei

"Non hanno fatto nulla di concreto - continua il sottosegretario - quando erano al governo, su questo tema. Vivono tutti in attici in centro e poi fanno la morale. Va chiarito che a me non da fastidio nulla, mi sono fatto una risata vedendoli in maglietta rossa a fare girotondi. Stanno sbagliando completamente la linea e infatti si vede dai risultati elettorali. Anche a padova hanno perso, la gente è stanca". Dal suo post si percepisce un certo fastidio per chi è sceso in piazza: "Io non sono infastidito, anzi. Più fanno così e più raccogliamo consenso. La gente è stufa. Certo se pensiamo ad esempio alle maestre che si sono messe le magliette rosse agli esami, quello è un fatto gravissimo perché una manifestazione contro l'attuale politica del governo. Delle insegnanti che fanno cose di questo tipo squalificano la scuola e anche loro stesse".

I sondaggi

"I sondaggi dicono chiaramente che vanno queste persone vanno gestite dal paese da cui partono. Quando le politiche del governo era mare nostrum ecc... quando c'erano i progetti finanziati di accoglienza ne morivano di più. Deve partire chi ha diritto, deve essere regolamentata l'immigrazione. C'è da vergognarsi a tenere le persone come vengono tenute a Cona, ad esempio. Non siamo in grado di gestire questi numeri, bisogna dirlo chiaramente una volta per tutte. Noi lo stiamo facendo". 

Macron e Gheddafi

Quando parlate di non farli partire, di controlli direttamente in Africa, è chiaro il riferimento alla LIbia. Ma lì la situazione è instabile, il governo che c'è non controlla neppure tutto il Paese: "La resposabilità di questa situazione sappiamo bene di chi è. Quando Macron parla dovrebbe assumersi la responsabilità di ciò che dice visto quello che hanno fatto in Libia i francesi. Hanno attaccato un Paese e sacrificato Gheddafi solo per motivi di carattere economico. Questo è il risultato che hanno raggiunto, quindi hanno davvero poco da fare la morale a noi".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Come fare una manicure semipermanente in casa senza l’uso della lampada

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento